Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 14.218 nuovi casi e 377 morti in Italia. Tasso di positività al 5,2%

  • a
  • a
  • a

Aumentano i nuovi casi e calano i decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati 14.218 i test positivi al coronavirus registrati in Italia. Lo rende noto il ministero della Salute nel consueto bollettino. Ieri i test positivi erano stati 13.659, quindi si tratta di un aumento per il terzo giorno consecutivo. Le vittime sono 377 (ieri erano state 421).  Sono stati 270.507 gli esami (tamponi molecolari e antigenici) effettuati (ieri erano stati 270.142, quindi circa 400 in meno), con un tasso di positività del 5,2% (ieri era stato del 5,05%).

"Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 2.142, in calo di 9 unità rispetto a ieri, nel saldo tra ingressi e uscite; gli ingressi giornalieri sono 132. I ricoverati con sintomi sono invece 19.575,  In totale da inizio epidemia i casi di coronavirus sono 2.611.659, i morti 90.618. Gli attualmente positivi sono 429.118 (-1.159 rispetto a ieri), i guariti e i dimessi 2.091.923 (+14.995), in isolamento domiciliare ci sono 407.401 persone (-982 rispetto a ieri)", ha detto l'epidemiologo Gianni Rezza alla conferenza stampa al ministero della Salute che ha aggiunto: "L'Italia rimane stabile rispetto agli altri paesi europei nell'andamento dell'epidemia. Nell'ultimo periodo in Italia c'è un decremento lentissimo, quindi sostanzialmente una situazione di stabilità".

"Continua il decremento dell'occupazione delle terapie intensive e ciò è positivo - ha proseguito - I dati della popolazione affetta ci mostrano un'età mediana sotto i 50 anni, cosi come viene confermata la tipologia clinica degli infetti: gran parte è asintomatica, per il 70%". "Ci sono molte regioni che sfiorano Rt intorno a 1 e questo indica che c'è una situazione di stallo e non di decrescita della curva, e 13 regioni hanno un trend di casi in aumento. Tutto questo è un segnale di allerta e potenziale segnale di controtendenza che richiede grande attenzione nel mantenere le misure di mitigazione anche alla luce delle varianti".