Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giorgia Meloni a Porta a Porta: "Non capisco Salvini, un governo col Pd gli va bene?"

  • a
  • a
  • a

Giorgia Meloni molto critica con la Lega che ha aperto a un appoggio al nascente governo del premier incaricato Mario Draghi. "Non capisco Matteo Salvini, gli va bene un governo col Pd?", ha detto la leader di Fratelli d'Italia, ospite di Porta a Porta.

 

"Il centrodestra sopravviverà a mille intemperie... Certo, non capisco la posizione di Salvini quando dice ’Draghi scelga tra Lega e M5S’. Ma perché, il Pd va bene? La Boldrini e Leu vanno bene? Qualcosa mi sfugge, glielo chiederò quando lo sento", ha detto la Meloni a Bruno Vespa, stemperando i toni di quella che comunque è una posizione diversa e distinta della Lega rispetto a Fratelli d'Italia. Tant'è che i tre partiti del centrodestra andranno alle consultazioni di Mario Draghi ognuna con la propria delegazione e non più in forma unitaria, come era accaduto in tutti questi giorni. "Abbiamo un governo in cui la golden share ce l’ha Giuseppe Conte col M5S. Non è tutto oro quello che luccica. Quando ti ritrovi Conte a capo del 30% dei parlamentari M5S che hanno la golden share del tuo governo... Povero autorevolissimo Mario Draghi", ha aggiunto. Nei confronti dell'ex presidente della Bce ha poi aggiunto: "Ho sempre detto che non avrei votato un governo tecnico e che non sarei mai andata al governo col Pd, perché oggi di questo stiamo parlando. Non so quale sia il programma di Draghi ma io sicuramente la fiducia non la voto", ha puntualizzato.

 

"Al netto del voto di fiducia che io non darò, se portasse provvedimenti che io condivido per il bene dell’Italia, li voto", ha poi assicurato. In ultimo una battuta su Renzi: "Non metto in discussione la serietà di Mario Draghi, ma la serietà di chi sta andando al governo con lui. Come Matteo Renzi, che oggi tutti dicono che è un genio, e sì è un genio che gioca a poker con la vita degli italiani. Se non fosse stato per Matteo Renzi avremmo votato nel 2019, abbiamo perso un anno e mezzo per poi mandare via Conte che ha messo lui", ha concluso.