Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid variante inglese, Ricciardi: "Serve azione preventiva per fermarla"

  • a
  • a
  • a

Variante inglese, Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, lancia l'allarme dopo un confronto con gli esperti del Regno Unito. "Attenti, serve un'azione preventiva", scrive sul suo profilo Twitter. Il messaggio è stato twittato intorno all'ora di pranzo del 4 febbraio dopo che il consulente ha parlato con i medici inglesi che da settimane stanno osservando la variante del virus nel loro paese: "Ho appena finito di parlare con i colleghi inglesi: variante britannica più contagiosa e purtroppo anche più letale, si diffonde nei giovani più che la precedente, è ancora neutralizzata dai vaccini disponibili, sta ulteriormente mutando: bisogna fare presto con le vaccinazioni". Insomma è una sorta di corsa contro il tempo per evitare che il virus muti ancora eludendo i vaccini. L'unica strada appare ancora quella delle vaccinazioni.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale in mattinata sono arrivate parole confortanti da dal professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), ospite di ‘Buongiorno’ su Sky TG24. "Entro giugno dovremmo avere a disposizione 40 milioni di dosi, dunque facendo due conti possiamo raggiungere la quota di 20 milioni di persone vaccinate entro giugno". Stesso ottimismo è stato ostentato da Letizia Moratti, la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, che ai microfoni di Sky TG24 ha dichiarato che è realistico prevedere la vaccinazione di 10,5 milioni di lombardi entro l’estate: “Ieri abbiamo avuto una prima indicazione dal commissario delle dosi in arrivo tra febbraio e marzo e nei trimestri successivi. Rispetto a questo ci sembra realistico entro l’estate avere quel numero di vaccinati”. (clicca qui per vedere il video).

Intanto Poste Italiane si mette a disposizione per la consegna dei vaccini. "Con la flotta di terra più grande d’Italia, una compagnia aerea Cargo, 12.800 Uffici Postali, 27.000 portalettere è a disposizione per consegnare tutti i vaccini anti-Covid, in ogni angolo d’Italia",  lo ha annunciato il condirettore Generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco, intervistato dal TGPoste.