Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Otto e Mezzo, Matteo Salvini oggi ospite di Lilli Gruber su La7 insieme a Lina Palmerini

  • a
  • a
  • a

Otto e Mezzo, ospite di oggi mercoledì 3 febbraio alle ore 20,30 su La7 è Matteo Salvini. Il leader della Lega sarà negli studi televisivi del programma condotto da Lilli Gruber insieme a Lina Palmerini (giornalista del Sole 24 Ore) per parlare del nuovo premier incaricato, Mario Draghi, e del tentativo a lui affidato dal presidente della Repubblica di formare un nuovo governo. 

 

"Nessuno ha chiamato me o altri della Lega, io di Draghi l’ho scoperto come voi, leggendo le agenzie", ha detto Salvini nel pomeriggio. Nel centrodestra "ognuno ha le sue posizioni, io come segretario del primo partito" della coalizione di centrodestra "devo cercare di fare sintesi", ha spiegato Salvini, ospite di Radio Radio, evidenziando come "anche oggi nella riunione del centrodestra ho suggerito di andare ad ascoltare, a capire, a valutare" quello che dirà Draghi. "Non posso dire stasera se ho già deciso di votare contro, a favore, o di astenermi, perché ancora non so di cosa stiamo parlando. Non so cosa vuole fare, con chi, quando si va votare, perché è chiaro ed evidente che se mi si dice ’andiamo avanti per due annì, non funziona", ha ammonito l'ex titolare del Viminale.

 

"Al di là delle alchimie politiche vogliamo confrontarci sui temi: la riduzione di tasse e burocrazia, sulla flat tax, sull’annullamento del codice degli appalti, sul pieno coinvolgimento delle realtà più dinamiche. Il pubblico non sempre riesce a fare meglio del privato, anzi a volte la competizione è quella che genera ricchezza. Vogliamo sdoganare la parola ricchezza. A furia di inseguire i ricchi, perchè non è giusto inseguire chi ha più degli altri, li facciamo scappare. Se non si sviluppa ricchezza, se non si sviluppa crescita è difficile aiutare chi ha bisogno. Senza la creazione di ricchezza c’è poco da redistribuire. Spero che ci sia a breve un governo che possa raccogliere questi stimoli, ieri si è chiusa una fase che è durata un anno e mezzo, non so che tipo di fase si possa aprire", ha concluso il segretario della Lega.