Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Governo, Delrio (Pd): "Prendere altro tempo non è utile. Non ci sono due tavoli paralleli"

  • a
  • a
  • a

"Ovviamente spetta al presidente Fico decidere, ma io non credo che ulteriore tempo possa essere utile": i nodi sul programma vanno sciolti al tavolo che sta per riprendere stamattina. Così il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delirio, entrando a Montecitorio. "Se alla fine di questa mattina le posizioni si saranno riavvicinate, avremo già fatto un servizio al Paese" e si procederà nel tentativo di formare un nuovo esecutivo, ha sottolineato Delirio, spiegando che i dem partecipano a questo tavolo "con lealtà". 

 

 

"Noi vogliamo fare nascere il Conte ter, su una base di programma condiviso, non che dal giorno dopo riprendiamo a litigare". Così il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio, entrando a Montecitorio. "Non ci sono due tavoli paralleli", ha sottolineato Delrio, rispondendo a chi gli chiedeva se ci fosse un tavolo parallelo per i nomi di premier e ministri. "Poi, certo, bisogna scegliere i nomi di persone capaci, perché è vero che le idee camminano sulle gambe delle persone", ha precisato. 

 

 

E infatti nelle "segrete stanze" della politica ci sono già liste di papabili per occupare tutte le caselle del nuovo governo. Il dilemma, semmai, è capire chi guiderà il prossimo esecutivo, visto che il borsino del Conte ter è sempre molto instabile, con giornate in cui recupera terreno e altre nelle quali la lancetta scende in basso. I rumors narrano che l’opzione Mario Draghi sia tutt’altro che campata in aria, nonostante le smentite del Quirinale. Perché l’ex presidente della Bce possa arrivare a Palazzo Chigi, però, diverse tessere del puzzle dovrebbero incastrarsi. Innanzitutto la certificazione che la maggioranza non si possa ricomporre sul nome di Giuseppe Conte. Ipotizzando che l’economista sia la carta d’oro del Colle per non sprecare l’occasione del Recovery plan, a quel punto nel governo dovrebbero entrare i leader politici, si vocifera nei corridoi parlamentari.