Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crisi governo, Salvini: "Squallido e vergognoso teatrino. Subito decreti su ospedali, vaccino, scuole, lavoro e cartelle Equitalia. Poi al voto"

Marianna Castelli
  • a
  • a
  • a

"Così si continua a perdere tempo per il Paese e per gli italiani". Ne è convinto Matteo Salvini, leader della Lega, che critica in maniera netta la prospettiva di un nuovo governo guidato ancora una volta da Giuseppe Conte e sostenuto dagli stessi partiti che lo hanno retto sino ad ora, ma solo dopo aver trovato un nuovo accordo su punti programmatici e uomini. Salvini in una intervista concessa ad Affaritaliani.it, spiega quella che a suo avviso dovrebbe essere la strada da seguire: "Decreti urgenti su ospedali e vaccini, su riapertura scuole e difesa del lavoro, sui rimborsi alle imprese e utilizzo dei fondi europei e poi subito al voto! Senza perdere più tempo. Basta con questo squallido e vergognoso teatrino".

Il Carroccio e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni tengono posizioni molto nette all'interno della coalizione di centrodestra. A loro avviso l'unica soluzione è tornare alle urne. Forza Italia, invece, è più morbida e Silvio Berlusconi disposto anche a mettersi seduto per cercare di trovare un punto di equilibrio per un governo di unità nazionale. Salvini non si sposta dalla sua posizione: "Basta perdere tempo prezioso. Portiamo subito in Parlamento decreti per assunzione di medici e infermieri e piano vaccinale serio, per rimborsi dell'80% del fatturato perso a tutte le attività economiche come in Germania, per l'assunzione di insegnanti e personale scolastico per riaprire in sicurezza le scuole e coprire le cattedre, per rottamare 50 milioni di cartelle di Equitalia, per sbloccare tutti i 500 cantieri fermi, per approvare un Recovery Plan efficace e condiviso. E poi si dia la parola agli Italiani per eleggere un Parlamento che garantisca serietà, efficienza e stabilità per cinque anni, non per cinque mesi".

Il capo della Lega ricorda anche che in primavera milioni di italiani saranno chiamati alle urne per eleggere i sindaci di 1.300 comuni e si voterà anche in altri paesi come Olanda e Israele, Gran Bretagna e Albania, Bulgaria e Francia. Per Salvini quindi non può essere tirato in ballo il problema della mancanza di sicurezza a causa della pandemia da Covid 19 per impedire agli italiani di andare alle urne e decidere il loro futuro.