Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 31 gennaio, su La7 torna Non è l'Arena. Giletti annuncia intervista bomba a Luca Palamara

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, domenica 31 gennaio, su La7 una puntata di Non è l'Arena destinata a creare polemiche a non finire. Il principale ospite del talk condotto da Massimo Giletti che inizierà alle 20.35, infatti, sarà l'ex magistrato Luca Palamara, già membro del Csm, finito al centro dell'attenzione a causa delle inchieste che lo hanno riguardato. Finì nella bufera in particolare per il suo ruolo di mediatore tra le varie correnti della magistratura e per le trattative che nascevano e si sviluppavano nell'assegnazione di incarichi di rilievo, come ad esempio quello di procuratore della Repubblica. E fu proprio davanti alle telecamere di Non è l'Arena che Palamara il 31 maggio dello scorso anno ammise di aver avuto un ruolo centrale. Ma sottolineò anche che erano in molti ad operare in quell'ambiente.

Stavolta anticipando i contenuti dell'intervista di stasera, Giletti ha parlato di "potere, politica e affari". Parole che annunciando una puntata particolarmente interessante. Il conduttore arriva addirittura ad anticipare che tratterà la "storia segreta" della magistratura italiana. Appare sempre più chiaro che Luca Palamara abbia deciso di parlare. Già nella sua precedente intervista aveva rilasciato dichiarazioni molto pesanti: "Non ho inventato io le correnti a cui aderiscono i magistrati ed essere identificato come male assoluto può fare comodo a qualcuno. Io mediavo tra le singole correnti dell’Anm".

Aveva puntato il dito contro il sistema, sostenendo che ovviamente "non esisteva solo un unico Palamara, esistevano tanti mediatori. Mi chiamavano tantissime persone, avevo una funzione di rappresentanza, ero diventato una figura di riferimento per molti colleghi, ma non per fare cose illecite”. Insomma trattative, accordi, convenienza tra chi poi amministra la nostra giustizia. Ora Palamara torna in televisione e tutto lascia pensare che dirà cose ancora più pesanti. Parlerà, ad esempio, di cosa accadde quando nei confronti di Silvio Berlusconi parte della magistratura sembrava agire in maniera preordinata?