Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crisi governo, Renzi: "Conte? Presto per fare nomi, proviamo a fare governo politico. Elezioni nel 2023"

  • a
  • a
  • a

Crisi di governo, Matteo Renzi resta l'ago della bilancia per la formazione di un nuovo esecutivo che ricalchi quello che si reggeva sulla maggioranza uscente. Ma, all'indomani dei colloqui con il presidente della Camera, Roberto Fico, il leader di Italia Viva ribadisce la sua posizione in un'intervista al Corriere della Sera. Nella quale ha parlato di governo politico, data delle elezioni e della figura di Conte.

 

"Con Fico è andata molto bene. La scelta del presidente Mattarella è stata come sempre saggia. E finalmente si parla di contenuti. Questa crisi non è sul carattere o sulla simpatia: è una crisi sulle scelte da fare per il futuro. Ci sono duecento miliardi da spendere per i prossimi anni. Ora è finalmente chiaro che la crisi nasce per scegliere come impostare il futuro, non perché qualcuno fa i capricci", ha spiegato Renzi. "Perché questa insistita personalizzazione su Conte tradisce il vero problema. Che non è il nome del premier, ma la direzione del Paese. Chi ha meno esperienza pensa che la politica sia solo uno scambio di incarichi, ma in realtà la vera sfida sono i progetti. Poi, certo, le idee camminano sulle gambe degli uomini e dunque presto, prestissimo, dovremmo confrontarci sul nome dell’uomo o della donna che siederà a Palazzo Chigi per i prossimi due anni. Ma prima di decidere chi guiderà la macchina, domandiamoci dove vogliamo andare e quali sono i compagni di viaggio".

 

Sembra tramontata, per Renzi, l'ipotesi di un governo istituzionale. "Non mi pare che questa posizione sia la posizione dell’intero centrodestra. E del resto c’è una bella differenza tra chi esprime posizioni che stanno nella grande famiglia del Partito popolare europeo e chi appoggia i sovranisti. Io penso che sia preferibile una soluzione politica. Ma nel caso in cui questa dovesse fallire accompagneremmo con rispetto le decisioni del capo dello Stato". Lapidario sulla data del voto: "Tutti sanno che non si andrà ad elezioni prima del 2023".