Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Torino, il sindaco Chiara Appendino condannata a un anno e sei mesi per i fatti di piazza San Carlo

  • a
  • a
  • a

Torino, il sindaco Chiara Appendino è stata condannata questo pomeriggio a un anno e sei mesi per i fatti di piazza San Carlo. La sentenza si riferisce a quanto accaduto il 3 giugno 2017 in piazza San Carlo durante la trasmissione della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. La procura aveva avanzato l'accusa di disastro, omicidio e lesioni colpose chiedendo la condanna a un anno e 8 mesi. La stessa pena comminata alla sindaca è stata inflitta nella sentenza di primo grado che ha riguardato anche l'ex capo di gabinetto Paolo Giordana, l'ex presidente di Turismo Torino Maurizio Montagnese, l'ex questore Angelo Sanna e l'architetto Enrico Bertoletti. Quella sera durante la proiezione sul maxischermo della finale di Champions League Real Madrid-Juventus - con la partita che finì 4-1 per i "blancos" di Madrid - ci sono stati 1.690 feriti e due vittime, Erika Pioletti e Marisa Amato..


All'origine del caos, quattro ragazzi, già condannati in via definitiva a oltre dieci anni di carcere, che spruzzarono dello spray urticante per compiere dei furti. La sindaca Appendino, l'ex questore Angelo Sanna, il dirigente di Turismo Torino cui spettò l'organizzazione dell'evento, Maurizio Montagnese, l'ex capo di gabinetto del Comune, Paolo Giordana, e Enrico Bertoletti, che si occupò di parte della progettazione avevano tutti scelto il rito abbreviato. L'accusa era di disastro, omicidio e lesioni colpose. Sempre per quella serata altri nove rappresentanti del Comune e delle forze dell'ordine saranno invece giudicati con rito ordinario.


Le difese degli imputati hanno replicato che era "impossibile prevedere ed evitare il panico collettivo". Dalle indagini è poi emerso che a causare l'ondata di panico fu una gang che tentava rapine tra i presenti in piazza usando spray urticanti. Naturalmente nessuno avrebbe immaginato che quella calca umana potesse vittime provocare e feriti; Inizialmente si pensò anche a un attentato di stampo terroristico.