Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lello Ciampolillo, dalla Xylella che si cura con il sapone al sì per Conte: "Basta sceneggiate da Prima Repubblica"

  • a
  • a
  • a

"E' stata una giornata lunga", dice all’Adnkronos Alfonso Lello Ciampolillo con la voce trafelata, raggiunto telefonicamente dopo il voto al Senato. L’esponente del Misto, ex M5S, ha tenuto Palazzo Madama col fiato sospeso: dopo essere stato riammesso alla votazione sulla fiducia dalla Presidente Casellati, il parlamentare pugliese ha dato il suo sì al governo Conte. "In un momento così critico per il Paese", spiega, "ritengo necessario porre l’interesse comune della Nazione avanti a singoli interessi di partito. Aprire una crisi di governo nell’attuale condizione di emergenza sanitaria, economica, sociale, significherebbe solamente aggravare una situazione già compromessa con ulteriori ripercussioni sulla popolazione già stremata", ha sottolineato.

 

 

Per il senatore ex 5 Stelle "è il momento di pensare al Paese. Ai giovani, che devono tornare regolarmente a scuola. Alle imprese, che devono riaprire. Il Paese ha bisogno di un governo che operi e non di queste sceneggiate da Prima Repubblica", ha commentato Ciampolillo. A chi gli chiede se gli siano stati offerti incarichi, Ciampolillo risponde di no: "Il mio voto è nell’interesse di tutti gli elettori e della nostra bellissima nazione che deve rialzarsi quanto prima". Intanto Renzi già lo ha preso di mira: "Hanno preso il voto del senatore Ciampolillo, che è quello che dice che la Xylella si cura col sapone"; il suo primo commento.