Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crisi governo, "Se salta non c'è più il fronte progressista": Orlando svela i piani del Pd

  • a
  • a
  • a

Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, è stato ospite di Lilli Gruber a "Otto e mezzo" su La7.  L'esponente dem ha affrontato la crisi di governo a pochi minuti dal Cdm sul Recovery decisivo per la tenuta della maggioranza.

"O Conte o il voto? Noi pensiamo che Conte sia il punto di equilibrio più avanzato di questa coalizione così composita, tutte le altre soluzioni non tengono e alle elezioni spesso ci si va non perché qualcuno le voglia ma perché ci si finisce. Escludo totalmente il nostro appoggio a un governo di unità nazionale. Dovremmo gestire i fondi europei con questa destra antieuropea e una pandemia con questa destra negazionista. È già difficile con questa coalizione, figuriamoci con una in cui ci sono delle distanze simili", ha detto Orlando. "Se salta il governo Conte, il fronte progressista non c’è più. E se franasse questa esperienza di governo, riproporla sarebbe difficile. Per questo penso che, per quanto possa avere i suoi limiti, questo esperimento vada sostenuto", ha detto.