Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Beppe Grillo affonda il Mes: "Inadatto e inutile". E lancia patrimoniale per i super ricchi e Imu e Ici alla Chiesa

  • a
  • a
  • a

Il Mes è uno strumento inadatto ed inutile. Parola di Beppe Grillo. Il fondatore del Movimento 5 Stelle attacca frontalmente il Meccanismo europeo di stabilità. Secondo Grillo non è una questione di soldi ma come e dove usarli, in questo difficile momento che sta vivendo il Paese. In ogni caso Grillo lancia due proposte alternative. La prima è una patrimoniale per i ricchi e la seconda far pagare Imu e Ici alla Chiesa. Sulla patrimoniale scrive che "la proposta presentata da Leu e Pd, e subito bocciata dalla commissione Bilancio della Camera che l'ha definita inammissibile, prevedeva un'aliquota progressiva minima dello 0,2% sui patrimoni la cui base imponibile è costituita da una ricchezza netta superiore a 500 mila euro e fino a 1 milione di euro, per arrivare al 2% oltre i 50 milioni di euro. Ma, fortunatamente, non è passata e quindi capitolo chiuso. E se per una volta, invece che sovraccaricare di tasse la classe media che sta lentamente scomparendo, si procedesse a tassare soltanto i patrimoni degli italiani più ricchi? Nel nostro Paese, secondo l'ultimo rapporto sulla ricchezza globale del Credit Suisse, ci sono 2.774 cittadini con un patrimonio personale superiore a 50 milioni di euro; se sommati, i loro patrimoni, ammonterebbero addirittura a circa 280 miliardi". Secondo il fondatore del M5S sarebbe più giusto rivolgersi a loro piuttosto che a tutta la popolazione, stremata da un anno tragico. Una tassa che potrebbe fruttare sino a 10 miliardi per il primo anno e altri 10 nel 2022. Alla patrimoniale andrebbe sommato il pagamento di Imu e Ici da parte della Chiesa. Clicca qui per leggere l'intervento di Beppe Grillo.