Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Berlusconi: "Conte premier cortese ma ora servono unità e fatti concreti. Situazione mai così grave"

  • a
  • a
  • a

"E' il momento dei fatti concreti, perché la situazione nel Paese non è stata mai così grave". Lo sostiene Silvio Berlusconi in una intervista rilasciata al Corriere della Sera. Dopo aver precisato che Forza Italia non entrerà mai al governo con "forze a noi incompatibili", chiarisce anche che non c'è stato alcuno scambio di favori con la maggioranza: "Su Mediaset, il governo si è mosso in totale autonomia. Se avessi dovuto pensare agli interessi della mia azienda - aggiunge - non sarei dovuto scendere in campo nel 1994 né mai". Poi entra nel vivo: "Con il presidente Conte, non da oggi, i rapporti sono molto cortesi. Questo però è il momento di passare dalla cortesia formale, che è un fatto personale apprezzabile, alla disponibilità politica. Ho chiesto più volte che siano invitate a collaborare tutte le migliori energie del Paese, non solo della politica, ma della cultura, dell'impresa, della scienza, del lavoro, in un grande sforzo collettivo per rispondere all'emergenza". Lo scostamento di Bilancio? Forza Italia è disponibile a votarlo ma "a certe condizioni. Se servirà per esempio a dare immediato indennizzo a chi ha dovuto chiudere la propria attività, a pagare finalmente i debiti della pubblica amministrazione, a coprire un semestre bianco fiscale, sospendendo tutti i pagamenti verso lo Stato almeno per chi è in difficoltà". Quanto a un lockdown nazionale "è presto per rispondere. Il principio è giusto, quello che è sbagliato è la continua incertezza, sono i continui cambiamenti".