Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Umbria zona arancione. Lo chef Vissani furioso: "Grande vergogna. Rischio la chiusura. Calvario infinito"

  • a
  • a
  • a

Lo chef Gianfranco Vissani contesta in maniera drastica la decisione di spostare l'Umbria dalla zona gialla a quella arancione a causa dell'emergenza Covid 19. "E' una grande vergogna", sostiene l'imprenditore. E' l'agenzia Ansa a riportare le dichiarazioni di Vissani: "E' un calvario infinito. Come imprenditore sento il reale rischio chiusura della mia attività". La zona arancione comporta, tra le altre restrizioni, la chiusura di bar e ristoranti. Vissani ricorda che i ristoratori hanno adottato tutti i dispositivi di sicurezza e che i locali sono "assolutamente sicuri, ma non è bastato e paghiamo il prezzo di scelte assurde, come quella di aver permesso la movida nelle grandi città in estate". Lo chef inoltre sottolinea che dallo Stato "non arriva un euro. Chiudere ancora significa mettere di nuovo in ginocchio non solo i ristoranti, ma anche le attività collegate, come le cantine".