Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gasparri si scaglia contro lo smart working: "Sta uccidendo l'economia delle città italiane"

  • a
  • a
  • a

Il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, si è scagliato contro lo smart working. "È incredibile che l’Enel pensi di tenere chiusi i suoi uffici fino al 31 dicembre, lasciando tutti i dipendenti di Roma in smart working. Danno il cattivo esempio anche ministeri e Banca d’Italia. Le Poste hanno annunciato un programma di rientro di ben 7mila dipendenti tenuti a casa con lo smart working. È ora di finirla. È ora di rianimare le città. Questa clausura forzata sta uccidendo le città". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri. "Il commercio, le attività dei bar e ristoranti, mille e mille motivi di vita, di consumo e di crescita economica delle città sono atrofizzati. Lo smart working - prosegue - può essere un’eventualità da utilizzare, ci può essere una turnazione che consenta l’uso di questa possibilità, ma la chiusura sistematica di ministeri enti pubblici ed altre realtà sta creando gravi danni, a Roma in particolar ma non solo. Ho visto che Sala, sindaco di Milano, ha copiato nei giorni scorsi questo appello che vado lanciando da diverse settimane". "In particolare denuncio l’atteggiamento errato dell’Enel. Peraltro i sindacati aprano gli occhi. Scoprendo che molti dipendenti stando a casa sono inutili, si potrebbe aprire una stagione di licenziamenti. Quindi per difendere il lavoro riattiviamo uffici e città", conclude.