Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Regione, è ancora caos: l'intesa si allontana

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

La rotazione dei direttori regionali? Impossibile da applicare prima di un anno. Non sarebbe giuridicamente legittima. Parola dell'assessore al personale Antonio Bartolini, che era stato incaricato dalla presidente Catiuscia Marini di fare una “verifica di fattibilità” sull'ipotesi in campo ormai da giorni sulla possibile risoluzione della crisi in Regione, aperta con la nomina di Walter Orlandi alla direzione regionale sanità e le conseguenti dimissioni dell'assessore al ramo Luca Barberini. Dunque, proprio come il meteo di questi giorni, i rovesci si alternano a schiarite, ma senza prospettive di sole stabile. Anzi, mentre tutti si affannano a dare per acquisita la soluzione, ecco un nuovo fulmine. L'intesa che sembrava quasi raggiunta con un patto di legislatura e la rotazione degli apicali svanisce a causa della dura lex sed lex. Ma più di qualcuno sospetta che tutto fosse già pianificato. Dunque niente ricomposizione con l'ex Margherita, Barberini non rientra in giunta. Però senza bilancio e documento di programmazione approvati entro poco la legislatura rischia di saltare e quindi la Marini - che non va in consiglio con la giunta monca, per non esporsi alla sfiducia dell'opposizione – potrebbe con un blitz inserire a sorpresa un altro assessore. Il quinto. Dall'ex Margherita fanno sapere che non ci sarà voto negativo sugli atti fondamentali, ma che verrà posto con forza, in tutte le occasioni che si presenteranno il tema dell'innovazione. Il Vietnam.