Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, elezioni suppletive: sfida nel vivo per lo scranno da senatore nel collegio uninominale 2 di Terni

i)

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Entra nel clou la campagna elettorale per le elezioni suppletive dell'8 marzo. Si tratta dell'elezione per ricoprire lo scranno da senatore nel collegio uninominale 2 di Terni lasciato libero dalla governatrice Donatella Tesei una volta eletta in Regione. Per il centrosinistra è in campo Maria Elisabetta Mascio, appoggiata da Pd e Sinistra civica e verde. La sfida è con Valeria Alessandrini, il nome del centrodestra unito, ossia FI, FdI e Lega. In lizza anche Roberto Alcidi, operaio metalmeccanico attualmente disoccupato, candidato del Movimento 5 stelle. C'è pure Armida Gargani, avvocato ternano, appoggiata dal partito Riconquistare l'Italia. Sono sessanta i Comuni chiamati alle urne nel cuore verde. A sostegno di Alessandrini ieri, lunedì 2 marzo, è tornato in Umbria il leader della Lega, Matteo Salvini. Tappa a Foligno, dove Salvini si è fermato dal caffè fino al pranzo, visitando due aziende locali, la Ncm spa e la Oma spa. Presente anche Tesei, nella puntata tuderte di domenica. “Eleggere Valeria Alessandrini” ha affermato la governatrice “è fondamentale non solo per l'Umbria, che avrà un altro rappresentante in Senato, ma anche per dare un segnale forte a livello nazionale”. “Ringrazio la squadra che mi supporta”, ha detto Alessandrini” e “pensare di sostituire a Palazzo Madama una donna come Donatella Tesei mi rende orgogliosa”. Non è mancato l'intervento di Matteo Salvini: “Ho scelto di confermare gli appuntamenti in Umbria - ha detto il leader della Lega - per dimostrare che questa regione non ha paura di niente e di nessuno. L'Italia è un grande paese con medici e infermieri eccezionali che meritano il plauso di tutti e supereremo anche questa (riferendosi al coronavirus) Per ripartire occorre serietà, fare bene e fare in fretta, ma le misure del governo devono essere sensate: vogliono sospendere il pagamento delle tasse per le zone rosse, secondo me bisogna cancellarle”. Mascio ieri ha presidiato a fianco dei lavoratori Sangemini. "Il presidio dei lavoratori della Sangemini è un segno forte di lotta e tutte le forze politiche in questo momento devono fare muro contro il silenzio della proprietà", ha detto la candidata di centrosinistra. Di fronte allo stabilimento con Mascio anche il commissario regionale del Pd Walter Verini, i consiglieri regionali Tommaso Bori, Michele Bettarelli e Fabio Paparelli, il sindaco di Narni e presidente dell'Anci regionale Francesco De Rebotti, il primo cittadino di Montecastrilli Fabio Angelucci, i rappresentanti dei sindacati e la Rsu. Alessandro Antonini