Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Puc3, ecco i Comuni ammessi al finanziamento

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

La Giunta regionale dell'Umbria ha approvato l'elenco dei Comuni ammessi a finanziamento per interventi di riqualificazione urbana (Puc 3). I programmi interessano Comuni con una popolazione inferiore ai 10 mila abitanti e prevedono diverse tipologie di interventi: il recupero di insediamenti storici o degradati, il miglioramento delle infrastrutture, sistemi di servizi anche in un ottica di rete tra i diversi centri, incentivi alle attività economiche, riqualificazione della residenza. Le risorse destinate dalla Giunta regionale dell'Umbria al programma ammontano a 14,5 milioni di euro. Con le presenti risorse i Comuni ammessi a finanziamento sono, per i “Puc” singoli, i Comuni di Otricoli, Bevagna, Avigliano Umbro, Città della Pieve, Giano dell'Umbria, Calvi dell'Umbria; per i Puc proposti in forma intercomunale Giove, Penna in Teverina, Attigliano, Lugnano in Teverina, Guardea, Amelia; San Gemini, Montecastrilli, Massa Martana, Acquasparta; Ferentillo, Polino, Arrone, Montefranco; Fabro, Ficulle, Parrano, Montegabbione, Monteleone di Orvieto. La Giunta regionale inoltre, considerata la qualità dei progetti presentati ha reperito una dotazione di risorse aggiuntive a quelle previste nell'ambito della riprogrammazione del Par-FSC 2007-2013 e delle economie ottenute da precedenti interventi di edilizia residenziale. Ha dunque stanziato ulteriori 11 milioni di euro per finanziare i programmi presentati. I Comuni ammessi a finanziamento, grazie a questi ulteriori stanziamenti, sono, per i Puc singoli, quelli di Bettona, Sellano, Stroncone, Tuoro sul Trasimeno; per i Puc intercomunali: Panicale, Paciano, Piegaro; Montone, Monte Santa Maria Tiberina, Citerna, San Giustino, Pietralunga, Umbertide, Città di Castello, Lisciano Niccone; Santa Anatolia di Narco, Scheggino; Alviano, Baschi, Montecchio, Porano, Castel Giorgio, Orvieto; Fratta Todina, Monte Castello di Vibio. La Giunta regionale si è anche riservata di finanziare ulteriori programmi o interventi che sono ricompresi nella graduatoria dei Puc 3, di rilevanza urbana o sovracomunale, sulla base delle disponibilità che potranno provenire da economie di stanziamento a valere sulla programmazione “ParFsc” o di altri programmi attinenti le politiche urbane e che riguardano per i Puc comunali i Comuni di Vallo di Nera, Passignano sul Trasimeno, Gualdo Cattaneo, Torgiano, Montefalco, San Venanzo, Deruta, Valfabbrica; per i Puc sovracomunali: Sigillo – Costacciaro - Fossato di Vico; Allerona - Castel Viscardo; Spello – Valtopina -Nocera Umbra – Assisi; Norcia – Cascia – Preci – Poggiodomo - Monteleone di Spoleto; Campello sul Clitunno – Castel Ritaldi – Trevi.