Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I nomi della giunta di Donatella Tesei per la guida della Regione Umbria

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

La giunta Tesei è pronta. La presidente firmerà  nelle prossime ore i decreti di nomina per poi presentare alla stampa, già venerdì mattina, la squadra che andrà a comporre il nuovo esecutivo. Ne fanno parte Luca Coletto, il leghista che arriva dal Veneto e si occuperà di sanità; Enrico Melasecche, sempre del Carroccio, attuale assessore del Comune di Terni con una passata esperienza in Regione come consigliere di minoranza con l'allora Udc. Per lui si profila la delega all'urbanistica e ai trasporti. Entrambi sono esterni, il primo è una figura tecnica indicata da Salvini mentre l'esponente leghista ternano è risultato il primo dei non eletti della sua lista. Per Forza Italia l'assessore prescelto è Roberto Morroni che già da settimane Tesei voleva come suo vice mentre per Fratelli d'Italia farà il suo ingresso Michele Fioroni (il terzo esterno), attuale assessore del Comune di Perugia con possibile delega allo sviluppo economico, marketing e digitalizzazione. Dalla lista “Tesei presidente” arriva invece il nome di Paola Agabiti,  sindaco di Scheggino, che avrà cultura e formazione. Potrebbe avere anche il bilancio, così da comporre una super delega a meno che questo settore non vada a Morroni. Restano ballerine ambiente e agricoltura. Con questa giunta Donatella Tesei impone la sua linea a tutti i partiti, in particolare a Fratelli d'Italia che al suo interno aveva posto un veto su Michele Fioroni indicando invece Moreno Fortini. L'ha spuntata il factotum della campagna elettorale di Tesei e uomo forte della giunta Romizi. Tesei riesce a inserire anche Agabiti Urbani respingendo quindi la richiesta di tre assessori della Lega che si deve accontentare di due esponenti nell'esecutivo. La presidente detta la linea anche a Forza Italia perché all'interno degli azzurri c'è chi voleva la sindaca di Amelia, Laura Pernazza mentre Tesei aveva già in testa sin dall'inizio il nome di Morroni. Confermato Marco Squarta (FdI) presidente del Consiglio, il nome dovrà essere votato alla prima riunione dell'assemblea legislativa che dovrebbe tenersi già il 27 novembre.  L'intera squadra sarà presente anche sabato a Perugia (ore 14.30, presso i locali della Città della Domenica) per quella che lo stesso leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha definito la “festa di tutti i cittadini che hanno contribuito a liberare la Regione dopo 50 anni di malgoverno e scandali della sinistra”. Nello stesso pomeriggio, ma alle 17.30, è prevista la manifestazione delle sardine che da Piazza Italia (occupata dal mercatino dell'antiquariato) è stata spostata in Piazza della Repubblica, a Perugia .