Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crollano i reati, ma non diminuisce la paura dei perugini

Maurizio Muccini
  • a
  • a
  • a

Il 165esimo anniversario della Fondazione della polizia di Stato si è trasformato presto nel giorno dell'orgoglio. Grazie al netto calo di reati che si è registrate sia a Perugia che in tutta la provincia nel periodo che va dal 1 aprile 2016 al 16 marzo scorso. Con un meno 15 per cento nell'intero territorio e un meno 13 nel Comune  (i delitti commessi sono stati 21.177, gli arrestati sono risultati 404) che fa gonfiare il petto al questore Francesco Messina. Che dopo aver ringraziato le autorità presenti alla festa, ha parlato di squadra “forte e vincente”, capace di essere sempre a fianco della gente in un'opera di “repressione e prevenzione” che ha dato evidenti risultati. Sicuramente confortanti quelli nella lotta al fenomeno del traffico dello spaccio di sostanze stupefacenti con ben 154 soggetti finiti in manette. Soprattutto corrieri e piccoli spacciatori. Ridotto notevolmente il numero delle morti per overdose, una a bimestre. Ma il “momento che stiamo vivendo – ha aggiunto Messina – caratterizzato dalla crisi e dalla mancanza di certezze sul lavoro, non può che avere riflessi sulla scarsa percezione della sicurezza tra la gente. Che continua ad avere paura. E su questo fronte che non dovrà venire meno il nostro impegno”. Sottile bacchettata anche ai media, “con quella spettacolarizzazione della notizia che non aiuta. Tutti dobbiamo fare la nostra parte in questa battaglia”.