Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ragazzina insultata e presa a sputi dai bulli

Iniziativa nazionale contro bullismo e droga

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

“Non voglio più andare a scuola. La mia vita è inutile, non servo a niente”. Così, in lacrime, ha raccontato alla mamma tutto il suo dramma di adolescente vittima dei bulli. Che hanno reso un inferno le sue mattinate in classe. Lei, che è stata subito emarginata, tra dispetti e sberle al volto. Ma anche presa a sputi al grido “sei una stupida..”. E' accaduto tempo fa in una prima media di un istituto perugino. Con il grido d'aiuto che è arrivato, come tanti, allo sportello dell'Adoc Umbria. La settimana precedente erano stati segnalati altri due inquietanti casi, questa volta alle elementari. Con un bambino e una bambina che hanno deciso di cambiare scuola, passando da quella pubblica a quella privata. “Nei primi tre mesi di quest'anno - ha sottolineato il presidente Angelo Garofalo - erano giunte dodici telefonate al nostro sportello, ma al mese di giugno sono raddoppiate. Con ben 26 famiglie che ci hanno implorato consigli sui comportamenti da tenere. Cosa fare? Noi possiamo contare su psicologi e psicoterapeuti, anche se la prima cosa è parlare con gli insegnanti". Servizio completo a cura di Maurizio Muccini sull'edizione di sabato 26 settembre del Corriere dell'Umbria