Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Slot machine gestite dai Casalesi, arresti anche in Umbria

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Sono 44 gli ordini di custodia cautelare emessi dalla Direzione investigativa antimafia di Napoli ed eseguiti nelle province di Perugia, Napoli, Caserta e Salerno nell'ambito di un'inchiesta sui legami tra camorra e apparecchiature elettroniche da intrattenimento. GUARDA IL VIDEO In manette sono finiti anche commercianti e imprenditori legati, secondo le accuse, al clan camorristico dei Casalesi. Sgominata, in particolare, la fazione dei Russo. Le accuse vanno, a vario titolo, dall'associazione per delinquere di tipo mafioso al trasferimento fraudolento di valori, illecita concorrenza con minaccia o violenza e riciclaggio. Secondo le accuse la camorra avrebbe allungato le proprie mani nel mercato del noleggio e della gestione di slot machine e videopoker. Sequestrati beni per 20 milioni di euro.