Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sparisce con 100mila euro di opere d'arte: “Sto per morire”, ma era dalla De Filippi

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Disperazione, amicizia tradita, voglia di giustizia. C'è tutto questo nella storia di una signora perugina di 56 anni, che dal gennaio del 2010 non riesce a vedere uno spiraglio di luce nella sua vicenda. La chiusura delle indagini nei confronti di un uomo di 57 anni, accusato di appropriazione indebita aggravata, c'è stata già un anno fa. Ma dell'udienza preliminare non c'è ancora traccia. “Mio padre mi ha lasciato delle opere d'arte per un valore di quasi centomila euro. - racconta la donna - Ma alla sua morte, per gravi problemi economici, ho deciso di venderli. E così mi sono affidata ad un vecchio amico d'infanzia e attraverso una semplice procura per la tentata vendita ho lasciato tutte le opere nelle sue mani”. Dopo diverso tempo ecco che una telefonata dell'amico annuncia il buon fine della trattativa. “Però, mi disse, i soldi sono finiti nei miei conti personali (in tre bonifici). Ma non ti preoccupare, presto ti girerò tutto. Invece sul mio conto corrente, tali bonifici effettivamente predisposti e firmati da lui, non sono mai sbarcati”. Nel 2012 l'uomo le comunica che gli è stato diagnosticato un tumore allo stadio terminale. "Ho cercato di sostenerlo e di non essere pressante. Ma nello stesso giorno, guardando la televisione, l'ho invece visto al programma ‘Uomini e Donne' di Maria De Filippi, che faceva il tronista per conquistare una bella e giovane ragazza. Altro che malato terminale”. Da qui la denuncia e l'apertura dell'inchiesta.  Servizio completo a cura di Maurizio Muccini sull'edizione di giovedì 3 settembre del Corriere dell'Umbria