Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sit-in della Lav: giustizia per i gatti vittime del torturatore

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

“A che punto è il procedimento penale contro il torturatore di gatti, uno degli ultimi delitti contro gli animali nella nostra città? Perché il sindaco Andrea Romizi non ha emesso un'ordinanza per impedire al ragazzo di detenere altri animali dopo quello che ha fatto nel suo garage degli orrori? Perché non si è mai saputo chi è il vero colpevole della morte del cane Ares? Perché sui tali delitti le istituzione restano mute?”. Sono questi alcuni degli interrogativi posti al centro di un sit-in svoltosi nella mattina di martedì 14 luglio davanti al tribunale penale di Perugia. La prima di una serie di iniziative che la Lav ha programmato affinché “la giustizia faccia il proprio corso e gli animali vengano realmente protetti”. “La questione animali - è stato scritto in un cartello esposto ieri - è presente nella società civile e deve esserlo anche nelle aule del tribunale”. “Il nostro è lo stesso senso di sgomento e incredulità che percepiamo dalle persone che ci chiedeono notizie, alle quali non possiamo riferire alcun segnale positivo dalle istituzioni in tal senso”.