Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La città accoglie le spoglie di don Guanella

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Perugia accoglie le spoglie di san Luigi Guanella nell'anno del centenario della morte. Nutrito il programma delle iniziative: dall'arrivo all'Opera Don Guanella - Centro Sereni al trasferimento nella chiesa dell'ospedale Santa Maria della Misericordia con la veglia di preghiera aperta a giovani, malati e familiari, operatori sanitari. A Perugia, seconda tappa del “pellegrinaggio di san Luigi Guanella”, le sue spoglie arriveranno lunedì 20 aprile (ore 11), all'Opera Don Guanella - Centro Sereni di Montebello. Diverse le iniziative, promosse dalla Congregazione dei Servi della Carità-Opera Don Guanella e dall'associazione dei Cooperatori Guanelliani, che si terranno fino al giorno della partenza dell'urna, mercoledì 22 aprile (ore 8), tra le quali la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Gualtiero Bassetti presso l'Opera Don Guanella - Centro Sereni, per tutti i devoti e membri della grande “Famiglia Guanelliana” perugina, e la veglia di preghiera nella chiesa del Santa Maria della Misericordia con giovani, malati e familiari, operatori sanitari e volontari. La veglia, che ha per titolo il passo del Vangelo di Luca “Va la tua fede ti ha salvato”, sarà presieduta dal vescovo ausiliare monsignor Paolo Giulietti e sarà caratterizzata anche da alcune testimonianze significative di vita sull'esempio del “Servo della Carità” san Luigi Guanella. "La sosta presso la chiesa dell'ospedale Santa Maria della Misericordia delle sante spoglie del nostro fondatore – sottolineano don Matteo Rinaldi, direttore dell'Opera Don Guanella - Centro Sereni di Perugia, e Martino Sumerano, presidente dei Cooperatori Guanelliani del Centro-Sud – è un momento tutto speciale di preghiera e testimonianze intorno al corpo di un santo che per il suo zelo e l'amore verso i malati è stato dichiarato, nel 2005, compatrono dell'Unitalsi. Accogliere un Santo e sostare accanto a Lui è una grande occasione di vita ecclesiale in una reciproca conoscenza e condivisione".