Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Apparecchiature degne di James Bond per taroccare l'esame

Le apparecchiature sequestrate dalla Stradale

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Una ricetrasmittente nascosta nel timpano e una videocamera microscopica nascosta in una spilla permetteva loro di taroccare l'esame alla motorizzazione e di superare indenni la prova scritta in italiano che per loro è una lingua ancora sconosciuta. GUARDA LE FOTO DELLE APPARECCHIATURE  Così un gruppo di pakistani si erano ingegnati con mezzi all'avanguardia per eludere tutti i controlli. E c'erano riusciti fino a quando una pattuglia della polizia stradale di Perugia ha notato dei movimenti strani in via Mario Angeloni. Dove una cinese già conosciuta agli uffici trafficava con una camicia dentro una Bmw con quattro pakistani. Dopo la perquisizione la stradale ha scoperto il complesso armamentario utilizzato per essere promossi senza problemi all'esame e ha indagato due pakistani, l'esaminando e l'artefice del sistema, indagati appunto per induzione all'errore di pubblico ufficiale e produzione di elaborati falsi a pubblico esame (una legge nel 1925). L'ideatore del sistema aveva già effettuato truffe simili a Firenze, Brescia, Cremona e Vercelli. Si ipotizza che la cinese abbia fatto da tramite e abbia trovato chi forniva in tempo reale le risposte esatte.