Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus a Perugia, tutti negativi i tamponi dei 600 ragazzi

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Tutti negativi. Nessuno dei circa 600 giovani che nel corso della scorsa settimana si sono sottoposti al tampone messo a disposizione gratuitamente da Palazzo dei Priori dopo gli assembramenti di due venerdì fa, è risultato positivi all'infezione da Coronavirus. I risultati degli ultimi prelievi, effettuati lunedì mattina, sono di ieri e, per fortuna almeno questo pericolo è stato scongiurato. I prelievi sono stati fatti sia su maggiorenni che su minorenni, molti accompagnati dai genitori. Chi invece aspetta ancora l'esito del tampone e resta in quarantena per altri due giorni, sono cinque degli indagati per la rissa che si è verificata quella notte per cui adesso ci sono sette ragazzi denunciati per rissa aggravata. Per loro i prelievi sono scattati ieri e non c'è ancora il risultato. Così come non ci sono al momento ulteriori novità sul fronte investigativo dopo che sabato scorso, tre degli indagati sono stati anche sottoposti a perquisizione. Adesso toccherà alla scientifica confrontare vestiti e cellulare sequestrati e stabilire con certezza le responsabilità. Soprattutto capire chi abbia rotto la mandibola al 19enne che è finito sotto le mani dei chirurghi di maxillofacciale che gli hanno ricostruito il volto. Il giovane, anche lui indagato per rissa per aver partecipato alla prima parte delle violenze, quelle per intenderci, riprese da un telefono cellulare, dopo essere stato operato e poi dimesso, deve essere ancora interrogato dalla polizia, che sta portando avanti le indagini coordinate dal pubblico ministero, Gemma Miliani.