Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, avvocato arrestato: rito immediato per sfruttamento della prostituzione

Il Tribunale di Perugia

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Entrambi a processo con rito immediato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, con l'aggravante della violenza. L'avvocato tuderte, Mauro Bertoldi, e la sua fidanzata Andreaa Vulpe Olariu preò prendono strade processuali diverse: lei, tramite il suo avvocato, Aldo Poggioni, chiede di poter patteggiare a due anni con pena sospesa, mentre il legale, assistito da Luca Maori, va a dibattimento. Per lui, ancora ai domiciliari per l'accusa di corruzione legata alla vicenda del giudice Tommaso Sdogati e della sua collega di studio, Nicoletta Pompei, l'udienza è stata fissata al 21 luglio. “Volemo piglià tre ragazze e portalle qua? Io ce sto, tanto c'emo tre macchine, ma comunque tocca controllalle, le metti su un appartamento, se funziona ce vo io in Romania a piglialle”, diceva Bertoldi intercettato mentre parla con la coindagata. Bertoldi le suggeriva di “darle du' bastonate. Le ci deve aver paura di te”. Vulpe racconta poi al compagno di aver picchiato la giovane connazionale perché si era intrattenuta troppo tempo con un cliente. “L'attardarsi della donna - spiegava il gip - aveva provocato l'attesa degli altri clienti, col rischio di perderli”. Eventualità non contemplata. Bertoldi, difeso dall'avvocato Luca Maori, ha sempre respinto l'accusa di sfruttamento della prostituzione. Da mesi agli arresti domiciliari, ormai attende la decorrenza dei termini di fase.