Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le Frecce Tricolori sui cieli dell'Umbria martedì 26 maggio

Un evento straordinario destinato a entrare nella storia voluto dalla pattuglia acrobatica per le celebrazioni della Festa della Repubblica che quest'anno saranno senza parata ai Fori Imperiali

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

di Sergio Casagrande Un evento straordinario, destinato a restare nella storia per il suo significato simbolico. Le Frecce Tricolori tornano a solcare i cieli dell'Umbria e lo fanno martedì 26 maggio in occasione della 74.ma Festa della Repubblica che cade in questo 2020. Una Festa che il prossimo 2 giugno verrà celebrata senza le consuete grandi manifestazioni e, soprattutto senza la tradizionale parata ai Fori Imperiali, a Roma, per rispettare le norme anti-assembramento previste nella fase 2 dell'emergenza Coronavirus. Il passaggio delle Frecce Tricolori avverrà, in particolare, sopra la città di Perugia, ma la Pattuglia acrobatica nazionale attraverserà buona parte dell'Umbria, da Nord a Sud-Est. L'ingresso avverrà dalla Toscana sulla direttrice Firenze - Perugia e il volo proseguirà quindi tra Assisi e Foligno e parte della Valnerina, in direzione di L'Aquila. L'orario previsto del sorvolo di Perugia è tra le 15 e le 15.40 (clicca qui per saperne di più sull'orario e sulle località interessate). Il transito sopra l'Umbria rientra nel Giro d'Italia straordinario organizzato dalle Frecce Tricolori per questo 2020, un evento che intende sostituire il consueto passaggio sopra i Fori Imperiali durante la parata del 2 giugno. In particolare - si legge in una nota - la Pattuglia acrobatica nazionale effettuerà una serie di sorvoli, toccando tutte le regioni italiane e abbracciando simbolicamente con i fumi tricolori tutta la Nazione, in segno di unità, solidarietà e di ripresa. A partire dal 25 maggio le Frecce Tricolori decolleranno quindi da Rivolto, sede delle Pattuglia, e sorvoleranno - nell'arco di cinque giorni - i cieli di tutti i capoluoghi di regione. Tra le città dove è previsto il passaggio c'è anche Codogno, prima zona rossa dell'emergenza sanitaria che ha colpito il Paese e Loreto, dove ha sede l'omonimo santuario della Madonna protettrice dell'Arma Azzurra. Il 2020 è, infatti, anche  l'anno giubilare proclamato da Papa Francesco nel centenario della proclamazione della Beata Vergine di Loreto, "Patrona degli Aeronauti". Il Giro d'italia delle Frecce tricolori si concluderà simbolicamente il 2 giugno, con il sorvolo di Roma. Gli aerei lasceranno la scia del tricolore sui cieli della capitale effettuando alcuni passaggi sulla città durante l'unica cerimonia solenne prevista: la deposizione di una corona di alloro presso l'Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ma ecco, nel dettaglio, il piano di volo con le tappe principali: - 25 maggio: Trento, Codogno, Milano, Torino e Aosta; - 26 maggio: Genova, Firenze, Perugia e L'Aquila - 27 maggio: Cagliari e Palermo - 28 maggio Catanzaro, Bari, Potenza, Napoli e Campobasso  - 29 maggio Loreto, Ancona, Bologna, Venezia e Trieste.