Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, alla Manini bluetooth per distanziare i dipendenti

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Un dispositivo bluetooth che i dipendenti indosseranno a partire dalla prossima settimana e che emetterà un avviso sonoro in caso di distanze troppo ravvicinate tra una persona e l'altra. La sicurezza, alla Manini Prefabbricati passa per la tecnologia della Vetrya SpA di Orvieto che ha sviluppato un sistema di tracciamento di dipendenti con l'uso di un tag. “Tutti i nostri dipendenti - spiega la manager del reaprto marketing e comunicazione, Anna Rita Rustici - ne saranno dotati in modo da poter monitorare sempre il distanziamento di sicurezza. Qualora poi un nostro operatore dovesse risultare positivo al Covid sarà possibile tracciare i contatti all'interno dell'azienda”. Non solo, il dispositivo infatti ora servirà per l'emergenza Covid e poi tornerà comunque utile per la sicurezza sul luogo di lavoro anche in seguito. Ieri mattina alla Manini sono rientrati gli oltre 150 dipendenti, che, in maniera contingentata all'ingresso hanno subito il controllo della temperatura. Per quanto riguarda gli uffici invece sono rientrati circa 40 impiegati sugli 80 totali: gli altri continuano a lavorare in smartworking. Per chi è in sede sono state previste, dove possibile, entrate e uscite diverse, in modo da creare meno incontri possibile tra i presenti. Obbligatorio invece l'uso di mascherine per tutti a prescindere dalla distanza di sicurezza. In sede è prevista anchel'integrazione delle operazioni di pulizia con prodotti disinfettanti a base di cloro o alcol e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti e delle aree comuni. La Manini prefabbricati, che all'inizio del lockdown aveva acquistato macchinari sanitari per la terapia intensiva, ha anticipato il pagamento della cassa integrazione aisuoi dipendenti, ora rientrati.