Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Eurochocolate, appello delle aziende locali: "Costi troppo alti"

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Eurochocolate fa bene ai cioccolatieri umbri? Fa concorrenza al cioccolato prodotto in regione, a cominciare dalla Perugina, come ha detto Guasticchi? Tra le aziende del territorio presenti negli stand c'è chi pensa tutto il bene possibile di Eurochocolate e chi invece pur subendone il fascino trova delle zone d'ombra sulle quali si dovrebbe intervenire per aiutare l'economia del settore. VOTA il sondaggio Per esempio avere una location più importante per il Distretto del Cioccolato (circa 12 aderenti) , appoggiato dalla Camera di Commercio con circa 20mila euro. Magari in piazza IV Novembre, oppure tutta via Mazzini dedicata ai soli prodotti umbri. O anche un omaggio di Eurochocolate al cioccolato umbro, visto che utilizza al completo un suo centro storico, per cui alle aziende umbre verrebbe dato lo stand a titolo gratuito e non a 3-4 mila euro e senza pagargli il 40% di royalties sul venduto come avviene ora. "E' grazie ad Eurochocolate che la mia azienda si è estesa" precisa Luca Brugnami di Terre Umbre di Corciano. Per Guido Giammarioli di Gioia Cioccolato: "Dal punto di vista della marchio umbro del cioccolato noi viviamo ancora all'ombra di Luisa Spagnoli. Abbiamo un distretto con una decina di aziende, troppo poche per diventare Consorzio ed avere un riconoscimento in Europa". Giuseppe Dolciami riunisce nel suo negozio di Piazza IV novembre "La Perugia del Cioccolato" anche con prodotti di aziende non presenti ad Eurochocolate "perché partecipare alla kermesse per loro è troppo oneroso. Ho messo a disposizione il mio negozio, chi vuole spazio per i suoi prodotti è bene accetto e senza pagare royalties. Io porto il cioccolato umbro in giro per l'Italia" aggiunge "cosa che Guarducci non fa. Anzi per Costruttori di Dolcezze non compra neanche i prodotti da noi ma fuori della regione". Conclude Daniele Barbarossa di Milepi "Eurochocolate è un evento insostituibile ed unico. Il Distretto del cioccolato è una buona opportunità che però non ha dato dei frutti".