Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Processo Bocci, in aula battaglia tra accusa e difesa

Gianpiero Bocci

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Dopo oltre tre ore di aspra battaglia a suon di sentenze della Cassazione e articoli del codice di procedura penale, il collegio dei giudici che presiedono il processo a carico di Gianpiero Bocci, si è riservato la decisione sull'ammissione delle intercettazioni. Per la difesa dell'ex sottosegretario al ministero degli Interni, quelle conversazioni “mai captate su telefoni in uso a Bocci” , vanno escluse dal procedimento perché autorizzate con motivazioni carenti, e anche per un problema di “inutilizzabilità genetica perché parte di un altro procedimento”.  Quello aperto inizialmente da Paolo Abbritti e Luigi De Ficchy per atti relativi in seguito a un esposto anonimo in cui veniva dettagliatamente raccontata la gestione illecita di un appalto all'interno dell'ospedale. Il fascicolo poi diventa contro ignoti e infine compaiono i primi indagati, tra cui Maurizio Valorosi.