Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marito e moglie senza lavoro si incatenano alla Fontana Maggiore

(Foto Giancarlo Belfiore)

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Sono disperati. Da anni senza lavoro e senza un futuro davanti. Così hanno deciso di protestare in modo eclatante, incatenandosi alla Fontana Maggiore, in pieno centro a Perugia. GUARDA le foto E' successo nella mattinata di venerdì primo a gosto. "Siamo disoccupati da 3 anni, vogliamo lavoro e dignità", hanno detto Emanuele Fanesi e Giuseppa De Micelis, marito e moglie di Valfabbrica con un figlio di 16 anni. VOTA il sondaggio Ai vigili urbani che gli si sono avvicinati hanno fatto vedere una borraccia con dentro della benzina. "Ho 38 anni e una laurea in giurisprudenza - ha detto l'uomo - lavoravo come operaio a tempo determinato, poi è scaduto il contratto e mi hanno mandato via, da allora mi arrangio come posso". I due hanno chiesto di parlare con le istituzioni e a loro si sono avvicinati il sindaco Andrea Romizi e svariati assessori. Alla fine hanno consegnato la benzina agli agenti della Digos intervenuti sul posto insieme a carabinieri, municipale e provinciale e così i vigili del fuoco hanno potuto tagliare le catene. Grazie all'intervento dell'assessore provinciale Domenico De Marinis sono stati accompagnati al Centro per l'impiego, dove hanno assicurato il massimo impegno.