Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Appartiene ad Amanda Knox la traccia rilevata sul coltello sequestrato a casa di Raffaele Sollecito

Arrivano indiscrezioni sulla perizia depositata alla cancelleria del tribunale di Firenze. L'avvocato Bongiorno: "Non c'è collegamento"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Arrivano le indiscrezioni. Dicono che appartiene ad Amanda Knox la traccia rilavata sul coltello sequstrato a casa di Raffaele Sollecito. Le fonti sono quelle vicine all'inchiesta circa la perizia depositata proprio oggi alla cancelleria del tribunale di Firenze. Il coltello si ritiene sia l'arma del delitto con cui fu uccisa Meredit Kercher la notte fra il primo e il due novembre del 2007. Le analisi le hanno effettuate i Ris dei carabinieri di Roma, incaricati dalla corte di assise del capoluogo Toscano. I periti hanno iniziato il lavoro di analisi lo scorso 10 ottobre nei laboratori del Ris di Roma. La traccia che viene esaminata su ordine della corte d'assise d'appello di Firenze, dove si sta svolgendo il processo di appello bis dopo l'annullamento in Cassazione della sentenza di secondo grado, è stata localizzata sulla lama vicino all'impugnatura e non era stata esaminata in precedenza perché ritenuta in quantità insufficiente. Secondo quanto si apprende, l'analisi svolta dal Ris ha invece evidenziato una quantità di materiale genetico ritenuto esaminabile e non di origine vegetale. Sullo stesso coltello, ritenuto dall'accusa l'arma del delitto, tesi non condivisa dalle difese di Knox e Sollecito, erano già state repertate tracce biologiche riferibili ad Amanda sull'impugnatura, mentre altre tracce sulla lama secondo l'accusa sono attribuibili a Meredith, ma questo risultato viene contestato dalle difese. L'avvocato di Sollecito, Giulia Bongiorno, ha commentato che "è l'ennesima prova che non c'è alcun collegamento tra raffaele Sollwecito e l'omicidio di Meredith Kercher. Secondo il legale è importante che non si sia stato individuato il codice genetico nè della vittima nè di Rudy Guede che è stato condannato definitivamente a 16 anni. Buongiorno evidenzia coma la Knox frequentasse la casa di Sollecito e usasse normalmente il coltello. "Con i risultati della perizia depositata oggi - ha specificato - è venuto meno l'ultimo flebile collegamento fra Sollecito e l'omicidio".  Per l'avvocato Luca Maori, un altro dei difensori, la nuova traccia rappresenta un "prolungamento" di quella già analizzata: la dimostrazione che Amanda lo ha preso per tirarlo fuori dal cassetto e farne un normale uso in cucina".