Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sequestrati dalla Finanza al mercato 3mila prodotti non sicuri, ambulante nei guai

Cesare Bertoldi
  • a
  • a
  • a

Cover e caricabatteria per cellulari, ma anche occhiali da vista, lampade a led, penne touch screen, torce o batterie da orologio. Tutti privi dei requisiti statuiti dalle norme che disciplinano e tutelano la salute pubblica nonché di istruzioni minime in lingua italiana. I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Orvieto hanno sequestrato più di 3000 pezzi al mercato settimanale nei confronti di un venditore ambulante. I militari hanno segnalato il titolare dell'attività alla competente Camera di Commercio di Viterbo, per le conseguenti sanzioni amministrative. L'intensificazione dei servizi di controllo economico del territorio è stata disposta dal Comando provinciale con l'obiettivo - fa sapere la Finanza - di tutelare la salute dei consumatori finali, gli interessi economici e sociali danneggiati soprattutto dal fenomeno illecito della contraffazione e dell'abusivismo commerciale. “Lo scopo di tali specifici interventi antiabusivismo - che dall'inizio dell'anno ha consentito di sequestrare ulteriori 13.000 prodotti denunciando all'autorità giudiziaria 7 persone e segnalando all'autorità amministrativa 10 persone - è quello di difendere i settori produttivi di maggior interesse, privilegiando l'azione preventiva, rispetto a quella puramente repressiva - aggiungono le fiamme gialle - e ha come obiettivo quello di ricostruire e colpire alla fonte i fenomeni criminali di maggiore gravità dal punto di vista economico e sociale”.