Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La voce di Bocelli "canta" la fratellanza

Riccardo Regi
  • a
  • a
  • a

Cornice unica al servizio di un grande evento. Ai piedi del suo simbolo gotico, vestito di giochi di luce, la città del Duomo ha salutato la quarta edizione di “Orvieto4Ever”, l'appuntamento che intreccia e rilancia a livello mondiale i valori di comunione e fratellanza e il sentimento dell'Independence Day con i principi fondamentali della Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America, scritta da Thomas Jefferson (1776) con il contributo dell'italiano Filippo Mazzei, quale presupposto per definire i diritti individuali e le libertà in tutto il mondo. Tema di quest'anno, “Victory”, la storia di chi nella battaglia che quotidianamente affronta, trova in sé la forza per vincere la sua sfida, la vittoria della vita. Madrina della serata, elegantissima, Serena Autieri. Alla giovane orvietana Martina Maggi, il compito di aprire con un brano scritto per lei dal direttore creativo dell'evento Marco Bosco, insieme ai 110 elementi della Independence Orchestra diretta dal Maestro Carlo Bernini. Sotto i riflettori anche Sergio Sylvestre, il cantante statunitense diventato noto in Italia per aver vinto la 14esima edizione del talent “Amici” che ha intonato una serie di brani, tra cui “Hallelujah” e “Con te” portato Sanremo. E ancora il cantante, ballerino e attore Usher, vincitore di 8 Grammy Awards. Protagonista assoluto – ma non solo – il tenore toscano Andrea Bocelli, a lungo atteso e arrivato in città in tarda sera per regalare brividi sulle note di “Nelle tue mani (Now we are free)”. Al suo fianco, anche Ilaria Della Bidia, sua corregionale. Circa 1500, le persone che hanno trovato posto in piazza Duomo, blindata dalle misure di safety e security. L'appuntamento, organizzato dalla Dream Loud NYC con il patrocinio dell'Ambasciata Americana in Italia, del Comune e della Regione e il sostegno della Cassa di Risparmio di Orvieto, ha regalato alla città del Duomo e all'Umbria una significativa visibilità mediatica e promozionale. Su tutti i voli della compagnia aerea Delta Air Lines per tutto il mese di giugno la rivista di bordo “Sky Delta” ha dato ampio risalto informando oltre 6 milioni di viaggiatori americani. “Siamo tutti chiamati al mondo per essere felici e tutti abbiamo diritto alla felicità. Spesso questo non è possibile a causa di muri messi su da società e comunità inique, a causa di muri tirati su da noi stessi, dalle nostre convinzioni limitanti”. Una volontà, quella espressa dal fondatore dell'Andrea Bocelli Foundation che ben si concilia con lo spirito di integrazione con cui Orvieto4Ever è nata e continua a crescere.  Davide Pompei