Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rapinano un portavalori e tentano la fuga col bottino, tre arresti

Sgominata una banda lungo la Teverina. Scappato il quarto componente: recuperata la refurtiva di 37.000 euro

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Ha assaltato un portavalori in transito al km 37 della provinciale Teverina, portandosi via 37.000 euro. Questo il colpo compiuto da una banda di quattro trentenni pugliesi pregiudicati per rapina a mano armata. Dopo la segnalazione della rapina al 113 è iniziato il rocambolesco inseguimento da parte di tutte le forze dell'ordine, polizia stradale di Orvieto compresa. Poco dopo altra segnalazione, quella di una colonna di fumo nero proveniente da sotto un ponte a una decina di chilometri da Orvieto: l'auto con cui era stata effettuata la rapina (risultata rubata) era andata in fiamme. Alcuni testimoni hanno confermato di aver visto 4 uomini scendere da un'Alfa e risalire a bordo di una Passat grigia. Dopo un inseguimento-lampo l'auto è stata intercettata all'altezza di Ponzano Romano e bloccata dagli agenti di Roma nord mentre usciva dal casello. L'ingresso dell'auto era effettivamente avvenuto a Orvieto. A bordo sacchi di nylon, giubbotti, guanti neri e armi. In particolare, un fucile e due pistole, una di proprietà della banda e un'altra sottratta al portavalori. Recuperati per intero i 37.000 euro. Tre dei quattro uomini componenti la banda sono finiti in manette, il quarto, invece, presumibilmente è riuscito a darsi alla fuga.