Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'oroscopo del Corriere di oggi lunedì 30 maggio. Le previsioni segno per segno

  • a
  • a
  • a

L'oroscopo del Corriere per la giornata di oggi, martedì 31 maggio. Di seguito le previsioni segno per segno.

ARIETE La possibilità che facciate colpo su un potenziale partner o, dal punto di vista professionale, sul vostro capo, oggi è molto alta. Siete brillanti.

TORO Le lamentele degli altri si sommano alle vostre, così l'atmosfera sarà un po' troppo cupa per rendere al meglio, sia al lavoro che a casa.

GEMELLI Le cose da fare sono troppe e non ce la fate più: vorreste una mano ma non sapete a chi chiederla, perché probabilmente non vi fidate.

CANCRO Giornata "musicale". Avrete voglia di cantare e di esternare la vostra gioia di vivere, senza curarvi più di tanto dell’umore di chi vi circonda.

LEONE Occhio a qualche parola di troppo e sicuramente fuori luogo, sia da parte vostra che degli altri: si rischiano forti incomprensioni in questo periodo.

VERGINE Avreste voglia di unirvi a un gruppo, ma c'è qualche impedimento che vi ostacola, probabilmente di natura economica. Oggi vi peserà di più.

BILANCIA La vita oggi vi appare bella e armoniosa, probabilmente perché intorno a voi sarete circondati da persone con uno spirito positivo.

SCORPIONE L'eleganza dei vostri interventi e le capacità dialettiche saranno molto apprezzate dall'ambiente che ne trarrà beneficio. Sarete fieri di voi.

SAGITTARIO Dovrete conquistarvi il momento di gloria con non poca fatica, ma alla fine sicuramente ne sarà valsa la pena: scoprirete di avere grandi doti.

CAPRICORNO Amore, salute, denaro, carriera. Oggi tutto sembra andare a gonfie vele in ogni ambito della vostra vita: merito vostro, ma gli astri vi aiutano.

ACQUARIO Una notizia apparentemente innocua potrebbe mettervi in testa strane idee: sarete turbati, insomma, e faticherete a restare concentrati.

PESCI Alti e bassi, come capita spesso. Ci saranno momenti della giornata che vi regaleranno grandi soddisfazioni e altri che vi faranno sentire inutili.