Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

#vicinimalontani?: l'importanza di relazionarsi con gli altri

Andrea Tomassini
  • a
  • a
  • a

Il lockdown scattato il 9 marzo 2020 a causa della pandemia di Covid-19, ha costretto tutti noi a non uscire di casa. Quindi ci siamo dovuti adattare con i dispositivi tecnologici a nostra disposizione. Infatti grazie ad essi ognuno di noi ha potuto rimanere in contatto con i propri parenti e amici; gran parte dei lavoratori italiani ha continuato a lavorare in modalità smart-working; mentre quasi tutti gli studenti hanno potuto concludere l’anno scolastico 2019/2020 attraverso la didattica a distanza.  Perciò possiamo dire che la tecnologia ci è stata di grande aiuto nel primo quadrimestre del 2020, soprattutto perché ci ha permesso di rimanere distanti ma uniti. Ed è proprio con quest’ultime tre parole che il Governo l’11 marzo 2020 ha lanciato la sua campagna di comunicazione per prevenire l’isolamento, che avrebbe potuto essere dettato dall’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza. Ora sembrerebbe tutto finito, ma il rischio dell’isolamento ci potrebbe essere sempre. In effetti la nostra abitudine a non uscire di casa e ad utilizzare solamente i nostri mezzi tecnologici durante il lockdown, potrebbe sostituire definitivamente i rapporti intrapersonali anche quando l’emergenza Coronavirus sarà completamente alle spalle. Che poi se noi ci fermassimo a ragionare un attimo, le condizioni perché ciò avvenga sussistevano già da prima della pandemia. Basti pensare che la soluzione più semplice e veloce per leggere un libro è scaricarlo in digitale, senza andare in libreria. Lo stesso discorso vale per il cibo: invece che andare al supermercato potremmo fare spesa tramite applicazioni apposite installabili sul nostro cellulare. Qualora si dovesse andare verso una quasi totale abolizione dei rapporti umani sarebbe un vero peccato.  Relazionarsi con gli altri è molto importante e se oltretutto vogliamo ritornare alla cosiddetta normalità, sono la prima cosa che dobbiamo riprendere a fare. Io penso che questa pandemia ci abbia fatto rivalutare tanti aspetti tra cui quello di non sottovalutare troppo le nostre relazioni sociali, ma io temo che tra qualche anno ci scorderemo tutto quello che di buono questa bruttissima esperienza ci ha insegnato. Pertanto bisogna cercare di non perdere l’abitudine a frequentarsi di persona, specialmente se si vuole evitare che l’hashtag #distantimauniti si trasformi in #vicinimalontani

Andrea Tomassini