Le contraddizioni della Massoneria

Roberto Segatori

Oltre la siepe

Le contraddizioni della Massoneria

di Roberto Segatori

20.11.2019 - 16:41

0

A chi l’accusa di essere un’associazione che difende solo gli interessi degli affiliati, la Massoneria umbra replica che si ignora la storia.

In effetti tra la fine del '700, la Repubblica romana, il 20 giugno del 1859 e ancora per decenni, i massoni umbri furono portatori di idee di libertà (“il libero pensiero” contro l’oscurantismo clericale), razionalità e solidarietà (si pensi a Guglielmo Miliocchi), spesso pagate caramente. La memoria e la toponomastica perugina ne recano tracce evidenti: Danzetta, Guardabassi, Montesperelli, Faina, Ossicini, Bruschi, Berardi, Vecchi, Fabbretti, Monti, Ansidei, Angeloni, Dal Pozzo, Lupattelli, Rocchi, Bellucci e tanti altri. Fuori Perugia, si segnalano lo spoletino Pianciani e i ternani Nicoletti, Fabri, Masarucci, ecc. Erano scienziati, avvocati, medici, insegnanti, spesso impegnati nell’amministrazione pubblica con buoni risultati. Dopo la repressione del fascismo, la Massoneria riprende soprattutto dagli anni settanta del ‘900. A Perugia, l’anticlericalismo cementa l’alleanza tra i comunisti e i massoni. E avremo come presidente del consiglio regionale il massone Tiberi e come sindaci Casoli e Valentini.
A partire dagli anni ottanta, però, con la crescita degli affiliati, emergono le prime magagne: Augusto De Megni Sr è protagonista di vicende chiacchierate; esplode lo scandalo P2 (nelle cui liste si ritrova l’iscrizione – contestata dall’interessato - di Enrico Manca, a lungo leader del Psi umbro); nel 1993 l’inchiesta del sostituto procuratore Agostino Cordova porta alla pubblicazione delle liste che vedono implicati massoni occupanti ruoli delicati (il Csm trasferisce da Perugia il sostituto procuratore Arioti). Più di recente, il penultimo Gran Maestro Antonio Perelli viene coinvolto in un’inchiesta giudiziaria su una questione relativa alla sanità regionale. Più altalenante è il contrasto con la Chiesa locale. Nel 1985 l’arcivescovo Pagani prova a portare – senza troppo successo – un attacco frontale alla Massoneria, mentre al contrario l’arcivescovo Antonelli mostra successivamente un atteggiamento quasi benevolo. Poi c’è la vicenda dell’ultimo Gran Maestro, il ternano Luca Nicola Castiglione, che si congratula con il Cardinal Bassetti, mandando su tutte le furie molti massoni perugini. Ma perché ricordiamo tutte queste cose? Perché, mentre la Massoneria continua a crescere (1.038 affiliati e 33 logge del Goi, oltre agli iscritti e alle 5 logge della Gran Loggia d’Italia), due contraddizioni appaiono evidenti. La prima. Va bene la tradizionale vicinanza al potere, ma il maggioritario spostamento dei “fratelli” a destra (il sostegno esplicito alla Giunta Romizi, la candidatura in Fratelli d’Italia del primo Gran Maestro di colore Paul Dogmenza, le simpatie per Salvini) non sembrano proprio in linea con i valori originari (libertà, razionalità, solidarietà). Poi c’è la questione della riservatezza, poco motivata in epoca repubblicana. Una volta incrociai su una spiaggia un’amica totalmente svestita. Al mio sguardo sorpreso, lei replicò: “perché ti sorprendi? Una donna onesta non ha nulla da nascondere”. Una frase leggera di una donna davvero perbene. Fossi un vero massone, rifletterei seriamente sul senso di quella battuta.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Tu si que vales, l'esibizione tutta muscoli e coraggio dei Messoudi Brothers. Battuto il mago Jones Il video
Televisione

Video Tu si que vales, l'esibizione muscoli e coraggio dei Messoudi Brothers. Battuto il mago Jones

A Tu si que vales duello per accedere alla finalissima di sabato 14 dicembre tra il prestigiatore e mentalista Richard Jones e i Messoudi Brothers, tre fratelli tutti muscoli e forza. Richard presenta un numero che lascia esterrefatti i quattro componenti della giuria: Maria De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi e Teo Mammucari. Esibizione strepitosa che però viene superata da quella dei fratelli ...

 
Tu si que vales, l'acrobata che piace a Sabrina Ferilli e Maria De Filippi batte l'imitatore di Baglioni Video
Televisione

Video Tu si que vales, in finale l'acrobata che piace a Sabrina Ferilli e Maria De Filippi

Tu si que vales. Un imitatore straordinario contro un acrobata fenomenale: Igor Minerva vs Oleg Tatarynov. Il primo ha portato sul palco della trasmissione Mediaset del 7 dicembre in onda su Canale 5 le canzoni di Claudio Baglioni. Un'esibizione salutata dal pubblico con un'autentica ovazione. Il secondo ha risposto con un numero mozzafiato, volteggiando su una pertica sospesa e persino sotto la ...

 
Sarri: "Lazio squadra forte, sorprende che non sia in Champions"

Sarri: "Lazio squadra forte, sorprende che non sia in Champions"

(Agenzia Vista) Roma, 08 dicembre 2019 Sarri: "Lazio squadra forte, sorprende che non sia in Champions" "Lazio squadra forte, sorprende che non sia in Champions". Così l'allenatore della Juventus Maurizio Sarri al termine della partita di Serie A persa contro la Lazio. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Lazio-Juventus, Inzaghi: "Godiamoci questa serata, ce lo meritiamo"

Lazio-Juventus, Inzaghi: "Godiamoci questa serata, ce lo meritiamo"

(Agenzia Vista) Roma, 08 dicembre 2019 Lazio-Juventus, Inzaghi: "Godiamoci questa serata, ce lo meritiamo" "Godiamoci questa serata, ce lo meritiamo". Così l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi al termine della partita di Serie A vinta contro la Juventus. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Tu si que vales, l'esibizione tutta muscoli e coraggio dei Messoudi Brothers. Battuto il mago Jones Il video

Televisione

Video Tu si que vales, l'esibizione muscoli e coraggio dei Messoudi

A Tu si que vales duello per accedere alla finalissima di sabato 14 dicembre tra il prestigiatore e mentalista Richard Jones e i Messoudi Brothers, tre fratelli tutti muscoli ...

08.12.2019

Tu si que vales, l'acrobata che piace a Sabrina Ferilli e Maria De Filippi batte l'imitatore di Baglioni Video

Televisione

Video Tu si que vales, l'acrobata che piace a Sabrina Ferilli e Maria De Filippi

Tu si que vales. Un imitatore straordinario contro un acrobata fenomenale: Igor Minerva vs Oleg Tatarynov. Il primo ha portato sul palco della trasmissione Mediaset del 7 ...

08.12.2019

Tu si que vales, Sabrina Ferilli prima canta col cugino poi ammette: "Ho già comprato il mio loculo" Il video

Televisione

Video Tu si que vales, Sabrina Ferilli canta e ammette: "Ho già il loculo"

Tu si que vales. La Piccola Orchestra di Fiano Romano si presenta sul palco e Sabrina Ferilli resta a bocca aperta. Conosce, infatti, quasi tutti i suonatori e ad alcuni di ...

08.12.2019