A chi giova un sindacato debole?

Oltre la siepe

A chi giova un sindacato debole?

20.11.2019 - 15:24

0

Roberto Segatori

C’era una volta un sindacato forte. In alcuni picchi del recente passato, esso ha potuto contare su tre condizioni favorevoli: l’orientamento dei governi verso la concertazione nelle politiche economiche (con le intese tra Governo, Confindustria e Cgil-Cisl-Uil); un’importante rappresentanza (leggi iscritti) delle categorie di lavoratori dei settori di punta (in Umbria: metalmeccanici, chimici, alimentaristi, del tessile-abbigliamento e delle costruzioni); una vivace elaborazione ideologico-programmatica, resa perfino più intensa dal dualismo tra il sindacalismo di classe della Cgil e il sindacalismo di tipo aziendalista della Cisl.
Specialmente negli ultimi dieci anni, però, il sindacato è stato costretto a subire lo stravolgimento delle condizioni di favore: il governo Monti e soprattutto il governo Renzi hanno ricondotto la politica industriale alla dialettica Governo-Parlamento, abbandonando la strada della concertazione con i sindacati; la componente maggioritaria degli iscritti è diventata quella dei pensionati (intorno al 50%, un po’ di più nella Cgil e un po’ di meno nella Cisl), seguita dai lavoratori del pubblico impiego e dell’area della conoscenza, mentre si è progressivamente eroso il peso delle altre categorie, fatta salva una debole resistenza di Fiom e Fim; infine, in considerazione della difficile praticabilità del modello tedesco della presenza nei consigli di sorveglianza delle aziende, l’orientamento reattivo della Triplice si è sostanzialmente ridotto al grido di “al lupo, al lupo”.
L’indebolimento del sindacato si evince anche da altri segnali: le polemiche - indotte dalla volontà di verificare il reale grado di rappresentanza - sull’effettivo numero degli iscritti (ma qui l’Inps potrebbe tagliare la testa al toro) e la ricerca di finanziamenti tramite i servizi offerti (come i Caf). A tali elementi si accompagnano – dappertutto, ma di sicuro in Umbria – due ulteriori spie: il fatto che molte medie imprese (anche di successo) cercano di fidelizzare i dipendenti, lasciando il sindacato fuori dalla porta; il mancato transito dei leader sindacali nei ruoli politici di consiglieri regionali o nazionali (basti pensare alla diversa sorte toccata negli ultimi dieci anni a tre segretari regionali della Cgil: Mario Giovannetti, che diventa assessore regionale, Manlio Mariotti consigliere regionale solo come subentrante da primo dei non eletti e Mario Bravi non eletto).
In questo quadro il futuro appare piuttosto buio. Ulderico Sbarra, ex segretario regionale della Cisl e pungolo energico della vecchia Giunta regionale, ricorda che le grandi imprese umbre siderurgiche, meccaniche e del lusso hanno clienti soprattutto in Germania. Ma il rallentamento dell’economia tedesca è destinato a colpire le nostre esportazioni, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro in regione, oltre a quelli già persi nella chiusura di tantissime piccole imprese.
Certo, il sindacato mostra oggi limiti evidenti a partire da una ridotta rappresentatività, ma è difficile negare l’importanza del suo ruolo storico in difesa dei diritti dei lavoratori e dell’equità sociale del sistema politico ed economico. A chi giova il suo malinconico declino?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump: “Vogliamo che il Paese torni a lavoro, medici e infermieri fanno un lavoro fenomenale”

Trump: “Vogliamo che il Paese torni a lavoro, medici e infermieri fanno un lavoro fenomenale”

(Agenzia Vista) Stati Uniti, 28 marzo 2020 Trump: “Vogliamo che il Paese torni a lavoro, medici e infermieri fanno un lavoro fenomenale” “Vogliamo che il Paese torni a lavoro, medici e infermieri fanno un lavoro fenomenale” queste le parole di Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti, sull’emergenza coronavirus The White House Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Tajani (FI): “L’Europa ha bisogno di leader coraggiosi. Bisogna prendere decisioni”

Tajani (FI): “L’Europa ha bisogno di leader coraggiosi. Bisogna prendere decisioni”

(Agenzia Vista) Roma, 28 marzo 2020 Tajani (FI): “L’Europa ha bisogno di leader coraggiosi. Bisogna prendere decisioni” “L’Europa ha bisogno di leader coraggiosi. Bisogna prendere decisioni” queste le parole di Antonio Tajani, Forza Italia, sulle decisioni che deve prendere l’Europa per affrontare l’emergenza coronavirus Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Associazione italo-cinese dona 20 mila euro all ospedali di Bologna

Associazione italo-cinese dona 20 mila euro all ospedali di Bologna

(Agenzia Vista) Bologna, 28 marzo 2020 Associazione italo-cinese dona 20 mila euro agli ospedali di Bologna L’associazione italo-cinese di Bologna ha deciso di donare mascherine e circa 20 mila euro per gli ospedali bolognesi. “L’Italia è casa nostra, anche se recentemente siamo stati vittime di discriminazione e razzismo” queste le parole di Schijun Zeng, dell’associazione italo-cinese di ...

 
Coronavirus, il perugino Simone Boccardini: "Faccio vdeo in Facebook in vestaglia, così strappo un sorriso"

Epidemia

Il perugino Boccardini: "Video in vestaglia, così strappo un sorriso"

Nicola di Barletta è il personaggio sicuramente più riuscito nato nel segno di #iorestoacasapureinvestaglia, l’hastag creato da Simone Boccardini. Sono in tanti infatti a ...

29.03.2020

Loredana Bertè e il retroscena sul matrimonio con Borg: "Niente figli perché li voleva solo di sangue svedese"

Loredana Bertè (Facebook)

L'INTERVISTA

Loredana Bertè e il retroscena sul matrimonio con Borg: "Niente figli perché li voleva solo di sangue svedese"

In una intervista concessa a Maurizio Costanzo, la cantante Loredana Bertè è tornata a parlare del suo passato amoroso, raccontando anche alcuni retroscena sul matrimonio con ...

28.03.2020

Stasera in tv, Viva Raiplay! sabato 28 marzo: ospiti e anticipazioni del programma di Fiorello su Rai1

Televisione

Stasera in tv, Viva Raiplay! sabato 28 marzo: ospiti e anticipazioni del programma di Fiorello su Rai1

Stasera, sabato 28 marzo alle ore 21.25 su Rai1 secondo appuntamento con Viva RaiPlay! che la Rai definisce "il programma più rivoluzionario di Fiorello", ideato per la ...

28.03.2020