Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Lombardia: Terzi, 'su Trenord slogan, anche in regioni Pd affidamenti e no gare'

default_image

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

Milano, 14 gen. (Adnkronos) - Su Trenord in consiglio regionale si fanno "solo slogan" e "propaganda sulla pelle dei pendolari". E' quanto afferma l'assessore regionale della Lombardia a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità, Claudia Maria Terzi, rispondendo in aula all'interrogazione Pd sul contratto per il servizio ferroviario. “Non ho mai lesinato critiche anche aspre a Trenord o Rfi, ma era sufficiente leggera la delibera approvata a dicembre per capire che non è stato ancora rinnovato il contratto a Trenord. Le norme europee obbligano a deliberare una pre-informativa per lasciare aperta la porta dell'affidamento diretto e così abbiamo fatto”, sottolinea. "La gara per l'affidamento del servizio ferroviario non è né una panacea né un dogma e non è a priori una garanzia di maggiore qualità. Ricordo che Trenitalia non potrebbe partecipare alla gara in quanto socia al 50% di Trenord. Le stesse Regioni a guida Pd - sottolinea - come la Toscana, hanno scelto l'affidamento diretto a Trenitalia proprio per evitare, in assenza di veri competitori, inutili lungaggini burocratiche. Nei rari casi in cui è stata effettuata una gara si è presentato un unico soggetto, ovvero Trenitalia: come in Emilia-Romagna dove è stato assegnato il servizio per 22 anni appunto a Trenitalia al termine di lungaggini evitabili".