Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Furti a ripetizione, i cittadini si organizzano in ronde

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

“Nel giro di una settimana hanno portato via i bancomat a Otricoli e Montebuono e hanno provato ad entrare per rubare in tre case di Calvi dell'Umbria: per questo siamo scesi per strada a sorvegliare le nostre vie con tutto il rispetto del lavoro delle forze dell'ordine”. Parlano alcuni cittadini calvesi dopo le prime due ronde messe in atto nei primi giorni della settimana e nella nottata tra mercoledì e giovedì e in quella seguente. I fatti di cronaca, in effetti, sono noti a tutti. Furti scaltri ma anche effettuati con una tranquillità inammissibile tra Calvi dell'Umbria e Otricoli. Addirittura nelle prime ore del mattino. “Hanno provato ad entrare in qualche abitazione anche alle 9 o alle 10 qualche giorno fa. Ormai non hanno proprio più ritegno” spiega un'altra cittadina. I cittadini, per questo, non si sentono sicuri. Tuttavia non si tratta di una critica o di una mancanza di fiducia nelle forze dell'ordine: “Sappiamo che le forze sono ridotte e che il territorio del comune di Calvi è vastissimo. Ma noi non possiamo farci niente e non vogliamo che le nostre case siano prese d'assedio dai ladri”. Stando alle testimonianze di alcuni calvesi, a partecipare alle ronde sono sia giovani che adulti, un coinvolgimento trasversale tra tutte le generazioni.