Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Truffe a non finire: nel mirino società sportiva e anziana

default_image

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Due tentativi di truffa in pochi giorni ad Amelia. I carabinieri identificano i responsabili. I militari di Amelia sono riusciti a risalire all'identità di un 40enne imprenditore bergamasco denunciato in stato di libertà per truffa. L'uomo, messa in offerta su un noto sito di vendite online dell'attrezzatura sportiva, si era fatto versare da un'associazione sportiva di Amelia 300 euro per l'acquisto di numerosi zaini sportivi che non aveva però mai inviato. Denunciato a piede libero per tentata truffa e sostituzione di persona un altro imprenditore, un 45enne originario del foggiano ma residente a Monza. L'uomo, spacciandosi per funzionario del ministero del Tesoro, ha contattato al telefono di casa una 84enne vedova di Amelia alla quale ha annunciato l'emissione nei suoi confronti di un decreto ingiuntivo di 5.000 euro per debiti insoluti. L'uomo, prospettandole la possibilità di ottenere un cospicuo sconto sull'importo, ha cercato di convincere l'anziana a versare subito poco meno di 2.000 euro. Ma la signora, si è rivolta ai carabinieri che, oltre a confermarle di non provvedere a nessun pagamento, hanno iniziato le indagini per identificarlo.