Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non gli pagano l'affitto e lui li perseguita, a processo

Per la difesa del proprietario dell'immobile tuttavia la coppia si sarebbe semplicemente voluta vendicare per lo sfratto ricevuto

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

E' finito a processo per atti persecutori il proprietario dell'abitazione ad Arrone affittata da un ternano e dalla sua compagna di origini polacche, entrambi di 39 anni. Questi ultimi non pagavano l'affitto così come le bollette. Ecco perché il proprietario ha iniziato a sollecitarli a più riprese, senza ottenere risposte. I rapporti quindi cominciano a diventare aspri, con ripetuti faccia a faccia, fino a che la situazione non è precipitata. La coppia era andata dai carabinieri per denunciare “le continue telefonate, le visite a qualsiasi ora del giorno e le minacce”. A rincarare la dose la donna, che aveva pure parlato di molestie e apprezzamenti a sfondo sessuale. Per la difesa il racconto della coppia sarebbe semplicemente una vendetta allo sfratto ricevuto. Un teste ha d'altra parte confermato come il proprietario dell'immobile abbia subito aggressioni verbali e in una circostanza anche fisiche. Prossima udienza il 16 settembre.