Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Messe nere ad Halloween, cinque persone nel mirino

Hanno lasciato un gatto nero davanti a un cimitero e poi sono fuggite a bordo di una Mercedes. Per l'Aidaa era il preambolo a un rito satanico

Massimo Colonna
  • a
  • a
  • a

Altro che dolcetto o scherzetto. La notte di Halloween era tutto pronto per mettere in scena una messa nera. Ne è convinta l'Aidaa, Associazione italiana per la difesa degli animali e dell'ambiente, che nelle prossime ore presenterà una dettagliata denuncia con tanto di foto alla procura della Repubblica di Terni. Nel mirino cinque persone che la notte tra il 31 ottobre e il 1 novembre scorsi nella zona tra Narni e Narni scalo hanno lasciato un gatto nero di due mesi davanti al portone di un cimitero e poi, una volta accortisi di essere osservate, sono scappate via a bordo di una Mercedes. Il cucciolo di gatto nero (poi messo in salvo) secondo l'Aidaa sarebbe la prova del preambolo di una messa nera. "Lo scenario prefigurava possibili riti esoterici". Il territorio narnese peraltro non è immune da questi accadimenti, tanto che nelle scorse settimane era arrivata un'altra segnalazione di riti satanici in un casolare tra Schifanoia e Moricone. Ad occuparsi del caso sarà dunque la procura che potrà lavorare sul materiale fotografico raccolto dall'Aidaa. L'operazione si inserisce in un filone di controlli nazionali in cui sono state identificate già 41 persone. Servizio completo nell'edizione del Corriere dell'Umbria del 3 novembre