Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Koelliker introduce in Italia 5 nuovi brand dei veicoli elettrici

Seres, Aiways, Weltmeister, Karma e Maxus

Redazione iM
  • a
  • a
  • a

Seres, Aiways, Weltmeister, Karma e Maxus sono i cinque nuovi brand di veicoli elettrici che l'azienda Koelliker introduce in Italia. Lo storico gruppo italiano, che dal 1936 importa e distribuisce selezionati brand di automobili, importa Crossover, suv, super car e veicoli commerciali. In particolare, Seres in Italia debutta con Seres 3, modello nel segmento dei C-SUV, con un’autonomia di oltre 300 km e Seres 5, un D-SUV elettrico con invece un’autonomia di oltre 500 km. Koelliker avvierà la commercializzazione di Aiways in Italia in autunno con due modelli: U5 in una prima fase e, successivamente, U6. Rispettivamente un D-SUV e un crossover sportivo. Aiways offrirà autonomie di oltre 400 km grazie all’adozione di pacchi batteria maggiorati, una maggiore connettività (disporrà ad esempio di aggiornamenti OTA) e un elevato rating di sicurezza. Weltmeister arriverà in Italia con la W5, un generoso C-SUV con oltre 400 km di autonomia e tre livelli differenti di allestimenti, mentre la gamma Karma GS-6 è disponibile in versione Range Extender con una batteria da 28 kWh e un motore 1,5 BMW da 228 CV che funge solo da generatore che, nelle sue differenti configurazioni, permette di percorrere fino a 575 km, di cui 125 puro elettrico.

Verso la fine del 2021 sarà inoltre disponibile una versione full EV con batterie da oltre 100 kWh che consentirà un’autonomia di oltre 400 km e delle prestazioni da hyper car. La gamma Maxus è composta dall’eDeliver 3, uno small LCV, e l’eDeliver 9, un mid-large LCV, disponibile in versione Van. La prima occasione di contatto con alcuni dei nuovi modelli di questi marchi è il MiMo, salone dell’auto Milano Monza Motor Show, dal 10 al 13 giugno 2021. Koelliker ha anche annunciato nuove partnership con Enel X, Microsoft e Santander Consumer Bank, rispettivamente per le tecnologie di ricarica dei veicoli elettrici, la trasformazione digitale e le soluzioni di finanziamento, che saranno al fianco del gruppo nel progetto KGen, ambizioso progetto di «generazione di nuova mobilità» che si propone come un unicum nel panorama automotive italiano. Una peculiarità di KGen risiede nella formula del «go to market» all’insegna della strategia omnichannel. Koelliker accelera così sul percorso di digitalizzazione e adotta una strategia multicanale integrata con la quale dà l’opportunità al cliente di vivere un’esperienza di acquisto del veicolo elettrico semplice e senza interruzione, nella modalità preferita. In modo tradizionale, digitale o «ibrido»: recandosi di persona in concessionaria, iniziando sul web per concludere in salone, oppure optando per un acquisto completamente online, che include anche il test drive e la consegna a domicilio grazie ad Autotrade & Logistics, società di logistica del Gruppo Koelliker.

Un nuovo approccio per un cambiamento organizzativo e culturale che ha riguardato tutte le componenti in campo, dai venditori ai vertici aziendali. «Con KGen andiamo oltre i vecchi paradigmi del mercato automotive e rispondiamo alle nuove esigenze di una mobilità che sta cambiando, mettendo la nostra expertise a servizio di clienti alla ricerca di un’ampia ma selezionata proposta di modelli nativi elettrici - ha dichiarato Luca Ronconi, Amministratore Delegato di Koelliker - prodotti che incarnano la nostra filosofia di esploratori dell’innovazione e advisor dei clienti. In un settore estremamente complesso come quello elettrico, crediamo che il cliente abbia oggi più che mai la necessità di essere supportato da un interlocutore capace di accompagnarlo nella sua customer journey. Per farlo al meglio, abbiamo scelto di essere affiancati da partner che condividono i valori del progetto e rappresentano i migliori della classe nei rispettivi settori».

«Ci sono cambiamenti che avvengono così lentamente che non ci si accorge che avvengono e altri così veloci che non si accorgono di te - ha aggiunto - Stiamo esplorando tutta la mobilità elettrica. Stiamo valutando anche il mondo delle tre ruote e anche delle due, dove però non abbiamo ancora la confidenza necessaria per arrivare sul mercato, ma di sicuro non arriveremo a vendere monopattini».