Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fiat, entro il 2030 solo prodotti elettrici

Un cambiamento che avverrà tra il 2025 e il 2030 con l'obiettivo di contribuire alle città del futuro più verdi

Giovanni Massini
  • a
  • a
  • a

“Stiamo esplorando il territorio della mobilità sostenibile per tutti, questo è il nostro progetto. Tra il 2025 e il 2030, gradualmente, la nostra gamma di prodotto diventerà solo elettrica. E questo sarà un cambiamento radicale per Fiat”. Affermazioni importanti, fatte da Olivier Francois, Fiat CEO e Stellantis CMO, in un incontro (nella foto sotto) con l’architetto Stefano Boeri, creatore del bosco verticale di Milano, tenutosi in occasione della “Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021”. Qui si ripropone l’annoso dilemma: ma ce la faranno. Non stiamo parlando di 20 o 30 anni, ma di un termine temporale, che va dal 2025 al 2030, nella peggiore delle ipotesi, quindi, appena 9 anni. Le auto sono belle e pronte, come la nuova 500 E, ma la mobilità elettrica, parliamoci chiaro, è ancora appannaggio di una piccola élite di fortunati possessori di garage privati, altrimenti si va sempre incontro ad ansia da centralina e per garantire una mobilità elettrica totalizzata, dovrebbero iniziare ad installare stazioni di ricarica dalla mattina alla sera, anzi, anche di notte. Staremo a vedere.

 

 

 

L’architetto Boeri ha detto che, grazie alle 27.000 piante installate nella sua interpretazione urbanistica, indubbiamente all’avanguardia, si filtrano particelle di particolato, si riduce il CO2 ed altri veleni, perché le città sono responsabili, almeno, del 70% delle emissioni planetarie di CO2. Più verde, dunque e mobilità elettrica e qui entra in ballo la 500, modello iconico, che ha già operato una rivoluzione sociale: democratizzare la mobilità, a partire dagli anni 50 ed ora ha un’altra missione, renderla ecosostenibile. Olivier Francois ha anche anticipato l’intenzione, del gruppo, di trasformare la pista sul tetto del Lingotto, nel più grosso giardino sospeso d’Europa.

Giovanni Massini