Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Corte dei conti blocca la E45 autostrada, a rischio il nodo di Perugia

default_image

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

La Corte dei conti blocca la E45 autostrada. Ma lo scontro continua. C'è un rilievo dei magistrati contabili per i quali ci sarebbe l'impossibilità, in base alla normativa attuale, di utilizzare gli 1,8 miliardi di euro di defiscalizzazioni previste nel piano finanziario della Orte-Mestre.  VOTA il sondaggio Nel piano finanziario si fa riferimento all'utilizzo indebito di un surplus aggiuntivo di remunerazione del capitale investito da parte dei privati. Tanto basta per bloccare la delibera Cipe di approvazione del progetto preliminare e quindi anche la gara per la progettazione definitiva e l'assegnazione di appalti e concessione. I tempi dunque si allungano. E la polemica cresce. Sul caso interviene anche il consigliere Idv Oliviero Dottorini. “La Corte dei conti boccia la trasformazione della E45 in autostrada a pedaggio, ma il governo Renzi e la giunta regionale insistono nella realizzazione di questa follia progettuale. Ovviamente senza alcuna esenzione o sgravio del pedaggio per i residenti e con un impatto ambientale ed economico devastante”.  Anche il nodo di Perugia, che fa parte integrante della trasformazione della E-45 in autostrada, potrebbe subire slittamenti (gli ennesimi) in base alla sentenza della Corte dei conti. Anche l'opera che interessa il tratto del capoluogo era stata stralciata dalla Regione Umbria per anticipare i tempi a attingere ad altro tipo di finanziamenti. La Regione aveva chiesto ad Anas e ministero di reinserire la prima parte del nodo di Perugia (Madonna del Piano- Corciano) nel progetto di trasformazione della E-45 autostrada (che già ricomprende la seconda tranche del nodo, fino a Collestrada). Ma allo stesso tempo era stata rilanciata l'anticipazione di uno stralcio, il tracciato meno costoso: una variante che permetterebbe di bypassare le gallerie di Piscillea tutto il traffico proveniente Roma e diretto verso la zona industriale del capoluogo. Intanto proseguono le iniziative contro la trasformazione della E 45 in autostrada. Sabato 6 settembre i Cinque Stelle raccoglieranno le firme a Perugia (LEGGI L'ARTICOLO DELL'INIZIATIVA).