La saggezza di “quando non c’era”

La saggezza di “quando non c’era”

02.05.2014 - 20:19

0

Come facevate quando non c'era il cellulare? Come si portavano avanti le ricerche quando non c'era internet? E la musica stereo nell'epoca del mangiadischi? E trovare una strada senza il navigatore? E ancora: senza mail, come era possibile affrancare una lettera, imbucarla e attendere 10 giorni prima di ricevere risposta? E compilare quella stessa lettera colpendo i tasti di una macchina per scrivere? E guardare le partite alla tv in bianco e nero? In sintesi: come facevate a vivere in quell' altro tempo? I più giovani ti guardano come un brontosauro del giurassico, abituati come sono ad appiattire tutto il passato senza distinzione alcuna. Per loro, dieci anni equivalgono a cinquanta, cento o mille. Storia e geografia, cioè tempo e spazio, non vanno più di moda: certi quiz alla tv ne sono la controprova! Ma questo, dicono, è un ragionare antico.
Se solo fossero capaci di ascoltare il nonno quando racconta, quei ragazzi scoprirebbero la saggezza del "quando non c'era", quella sapienza che ti abituava ad aspettare con pazienza, a non trarre immediate conclusioni, a vivere le emozioni dell'attesa, a cercare e ricercare prima di ottenere una risposta. C'era un' arte in quell' "arrangiarsi", per supplire a una tecnologia che neppure si pensava che sarebbe potuta esistere. Non è certo il caso di rimpiangere i tempi andati e neppure di demonizzare i grandi passi della scienza, passi, peraltro, sconosciuti agli attuali utilizzatori finali che, per comprenderli pienamente, dovrebbero possedere quelle nozioni di spazio e di tempo che fanno loro difetto. Farebbe però bene, per un impiego più consono e, perché no? più umano di tutti i vari aggeggi di cui disponiamo, conoscere la vita e le logiche del "quando non c'erano". Abbiamo rotto, con il venir meno delle categorie spazio-temporali, quella continuità che la storia degli ultimi millenni ci aveva garantito nel bene e nel male, aiutandoci a comprendere, razionalmente ed emozionalmente, la catena del tempo che lega figlio a padre, nipote a nonno. Sapere delle code di fronte a una cabina telefonica, delle disperate ricerche di un gettone per una comunicazione urgente, dell'attesa davanti all'apparecchio di casa muto in quanto occupato dal "duplex", aiuterebbe persino a vivere con maggior stupore una tecnologia capace di donarci meraviglie. Appiattire, affossare, non essere curiosi, non provare sorpresa, sono disfunzioni che, nonostante le meraviglie tecnologiche, sfornano cloni. Si ripercorre così il modello dell'uomo massa: tutti uguali. Agli albori dell'organizzazione del lavoro erano tutti grigi, con la tuta da lavoro. Oggi sono multicolori, e pure griffati, ma ugualmente omologati. Se solo sapessero come si faceva "quando non c'era…".

robertograndis@infinito.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I fans a fine concerto gli dedicano Amico e Renato Zero si emoziona
Lo spettacolo

I fan a fine concerto dedicano Amico a Renato Zero e lui si emoziona

Alla fine sono stati i fans a cantare per Renato Zero. Gli spettatori del Nelson Mandela Forum di Firenze hanno iniziato a intonare Amico e il cantautore ha lasciato loro la scena, ricambiando con inchini e saluti, probabilmente commosso da tanto affetto, sicuramente emozionato. E' stato il penultimo pezzo prima che Il cielo chiudesse il concerto di venerdì 15 novembre. Amico, brano pubblicato il ...

 
Road Show 2k20: trionfa la Ducato Spoleto nella tappa di Perugia
CALCIO VIRTUALE

Road Show 2k20: trionfa la Ducato Spoleto nella tappa di Perugia

Grande spettacolo nella tappa umbra dell'ESport, il torneo promosso dalla Federcalcio e andato in scena sabato 16 novembre a Prepo. A trionfare è stata la Ducato Spoleto di Ugolini e Del Gallo. Secondo si è piazzato il Selci Nardi con Bricca e Bisello Oragno. Ai vincitori è andato il pass per la finalissima di Coverciano.  

 
Disordini a Parigi per il primo anniversario della protesta dei gilet gialli

Disordini a Parigi per il primo anniversario della protesta dei gilet gialli

(Agenzia Vista) Parigi, 16 novembre 2019 Disordini a Parigi per il primo anniversario della protesta dei gilet gialli Auto in fiamme ed esplosioni in centro città a Parigi per il primo anniversario della protesta dei gilet gialli. /courtesy Twitter @GiletJaunesGo Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Gilet gialli a Parigi, auto in fiamme ed esplosioni in centro città

Gilet gialli a Parigi, auto in fiamme ed esplosioni in centro città

(Agenzia Vista) Parigi, 16 novembre 2019 Gilet gialli a Parigi, auto in fiamme ed esplosioni in centro città Auto in fiamme ed esplosioni in centro città a Parigi per il primo anniversario della protesta dei gilet gialli. /courtesy Twitter @GiletJaunesGo Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
I fans a fine concerto gli dedicano Amico e Renato Zero si emoziona

Lo spettacolo

I fan a fine concerto dedicano Amico a Renato Zero e lui si emoziona

Alla fine sono stati i fans a cantare per Renato Zero. Gli spettatori del Nelson Mandela Forum di Firenze hanno iniziato a intonare Amico e il cantautore ha lasciato loro la ...

17.11.2019

Viaggio di Linea Verde tra i borghi e le eccellenze dell'Umbria

Televisione

Viaggio di Linea Verde tra i borghi e le eccellenze dell'Umbria

Domani, domenica 17 novembre, su Rai1 alle 12.20, a Linea Verde è protagonista l’Umbria. Il futuro ha un cuore antico: negli ultimi anni si sta sempre più affermando la ...

16.11.2019

La cantante Anastacia ad Assisi: "Welcome to Paradise"

Spettacolo

La cantante Anastacia ad Assisi: "Welcome to Paradise"

"Benvenuti in Paradiso". Questo il titolo di uno dei video postati sul proprio profilo Instagram dalla cantante Anastacia, in visita ad Assisi. La cantautrice e produttrice ...

16.11.2019